Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Emiliano nomina il fratello del sottosegretario di Draghi alla guida del Dipartimento Ambiente

Immagine di copertina

Dato per “indebolito”, avendo perduto il principale riferimento di governo, vale a dire il corregionale Giuseppe Conte, il governatore (anzi, Presidente) della Puglia Michele Emiliano torna a muoversi con sapienza sullo scacchiere politico nazionale. Ieri Conte, oggi Draghi: la politica non può conoscere battute d’arresto.

“Ritengo che la Puglia dovrà essere protagonista della rinascita del Paese. Il presidente Draghi ha voluto per primo ascoltare e confrontarsi con la conferenza delle Regioni sul Pnrr. Abbiamo di fronte a noi una grande opportunità, ma serve un gioco di squadra autentico e forte”, ha dichiarato a Bari Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionale e le Autonomie, in città per un incontro di lavoro proprio con il governatore pugliese sul Recovery Plan.

Un Emiliano tornato in grande spolvero, dunque, che dopo aver incassato la nomina a Vice presidente della Conferenza delle Regioni (in poche parole sarà il numero due del leghista Fedriga) ha anche nominato Paolo Francesco Garofoli, fratello del sottosegretario alla presidenza del Consiglio del governo Draghi, Roberto, come nuovo direttore del Dipartimento Ambiente della Regione Puglia.

Chi non se la passa troppo bene sembra essere invece il Sindaco di Bari, Antonio Decaro, se è vero come è vero che il suo collega di Pesaro, Matteo Ricci, tesse ufficialmente le fila dei rapporti (per ora a dire il vero ancora un po’ freddini) tra Enrico Letta e i primi cittadini targati Pd. Al Nazareno tira aria di cambiamento, ma stavolta non poggia più sul cosiddetto “partito dei sindaci”. Per questo Emiliano rompe gli indugi e inventa un nuovo schema di gioco. Se tutto è in movimento, anche la “sua” Puglia lo è.

Leggi anche: La rivincita di Emiliano: solo contro tutti, zittisce anche i nemici interni e salva il PD (e Conte)

 

Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni