Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Basilicata, Varoufalkis sostiene uno dei candidati: “Sarà una regione a impatto zero”

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Le elezioni in Basilicata previste per domenica 24 marzo 2019 si avvicinano e iniziano ad arrivare gli ultimi endorsment ai candidati.

>Qui tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni in Basilicata

>Qui tutte le liste e i candidati delle regionali in Basilicata

“Sto con Valerio perché il suo programma ha molto in comune con il nostro, è a favore del Green New Deal. La Basilicata ha la più grande riserva di petrolio d’Italia, con oltre il 70 per cento di petrolio e il 14 per cento di gas estratti”.

A pubblicare questo messaggio sui social in sostengo di Valerio Tramutoli, candidato di Basilicata Possibile, è l’ex ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis.

“Valerio vuole trasformare la Basilicata in una regione a zero emissioni e carbon free in dieci anni, con veicoli verdi e energia verde”, continua uno degli esponenti di Diem25 nel suo messaggio.

“Sarebbe una spinta enorme all’economia locale con un impatto molto positivo sull’ambiente. Con le politiche razziste e nazionaliste di Salvini, l’Italia sta affrontando tempi bui. Il vero problema della Basilicata non è l’immigrazione, ma l’emigrazione che sta portando i suoi giovani al nord Italia o all’estero”.

Dopo aver lasciato il governo greco del premier Tsipras, Yanis Varoufakis  ha fondato l’Internazionale progressista nota come Diem25.

Si tratta di un movimento paneuropeo e transfrontaliero democratico il cui obiettivo è salvare l’Europa dall’aumento di misantropia, xenofobia e nazionalismo, sentimenti che a detta dei suoi fondatori sta avvelenando l’Europa.

Diem con il tempo è cresciuto fino ad arrivare agli Stati Uniti: Varoufakis infatti ha dato vita ad un’alleanza con il democratico Bernie Sanders, dato tra i favoriti per le prossime elezioni americane del 2020. Da questo progetto è nata l’Internazionale progressista.

Ti potrebbe interessare
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Ti potrebbe interessare
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”
Politica / Draghi irritato con Lamorgese per la circolare sui tamponi gratis ai portuali di Trieste
Cronaca / Scontri a Roma, Lamorgese: “Nessun arresto per evitare rischi”. Meloni attacca: “È strategia della tensione”
Politica / Salvini incontra Draghi: “Sono preoccupato per il Paese, deve guidare la pacificazione nazionale”