Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

La politica estera di Draghi inizia dalla Libia: il premier vuole l’Italia protagonista

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Domani, martedì 6 aprile, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, sarà in Libia per la prima tappa estera del premier. La visita a Tripoli servirà a rivendicare una priorità italiana geo-strategica che già recentemente Roma aveva messo in evidenza quando il ministro Luigi Di Maio era volato a Tripoli in un viaggio lampo per incontrare, primo tra gli occidentali, il nuovo premier onusiano Abdelhamid Dabaiba, alla vigilia della ministeriale del Consiglio Ue e del faccia a faccia col segretario di Stato, Anthony Blinken, a latere del vertice Nato.

Draghi arriva in Libia con un percorso chiaro tracciato settimane fa. Quando ha annunciato la sua visita il premier ha esplicitato la linea che intende imporre: “É chiaro che l’Italia difende in Libia i propri interessi internazionali e la cooperazione. Se vi fossero interessi contrapposti l’Italia non deve avere alcun dubbio a difendere i propri interessi internazionali, né deve avere timori reverenziali verso qual che sia partner. Ho sempre dimostrato estrema indipendenza nella difesa dei valori fondamentali dell’Europa e della Nazione”.  L’Italia sostiene “il governo di unità nazionale” in Libia “con obiettivo di elezioni e aiutare a fare riforme economiche che inizino ad affrontare la situazione sociale ed economica deteriorata fortemente. Andrò in Libia la prima settimana di aprile, già Di Maio è stato lì. Quella sarà un’occasione importante per vedere i nostri indirizzi rafforzati dal dialogo e dal sostegno. Occorre essere molto vigili che l’accordo sul cessate il fuoco venga rispettato con l’evacuazione di coloro che hanno alimentato questa guerra, i mercenari e gli eserciti di altri Paesi, tra questi la Turchia”.

“La linea di politica estera del governo – ha detto ancora Draghi – è sostenere il governo di unità nazionale in Libia con l’obiettivo di elezioni all’inizio di dicembre, è necessario che il cessate il fuoco venga rispettato e sembra che ci siano sviluppi interessanti”.

Il premier Draghi, come sottolinea un’analisi di Inside Over, dovrà però cercare di recuperare terreno, visto che negli ultimi anni l’Italia divisa tra il sostegno ad al Sarraj e il dialogo con il rivale Khalifa Haftar, ricevuto dall’ex primo ministro Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, si è contraddistinta come un partner ambiguo. Ora Roma vuole riguadagnarsi la fiducia del governo tripolino anche attraverso la cooperazione in ambito sanitario. Nel Paese, infatti, ci sono almeno mille casi di Covid al giorno secondo l’Oms.

In totale, secondo le autorità libiche, i casi sarebbero 160mila su una popolazione di 7 milioni, con 2.700 vittime e una sanità impreparata ad affrontare l’emergenza. Per questo, come racconta Lorenzo Cremonesi sul Corriere, nelle scorse ore è partita dalle nostre coste una nave che trasporterà a Tripoli “10 tonnellate di materiale medico-sanitario”, comprese un milione di mascherine. Che la diplomazia oggi passi anche e soprattutto dagli aiuti contro il Covid lo dimostra anche la promessa dell’Ue di donare al governo libico 50mila vaccini.

Leggi anche:
Accordo Italia-Libia sui migranti, la ministra Lamorgese: “Ecco come cambieremo il Memorandum”
Accordi Italia Libia sui migranti, cosa prevede il Memorandum e cosa vuole fare il governo

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”