Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Draghi vuole estendere il Green pass a tutti i luoghi di lavoro, ma la Lega frena

Immagine di copertina

Dovrà attendere ancora qualche giorno l’approvazione del decreto agosto, che ha introdotto l’obbligo di certificazione verde per il personale scolastico e per chi viaggia su aerei, navi, bus e treni a lunga percorrenza. Da un lato, l’ala No Vax della Lega lo ha bloccato in Aula, nella Commissione affari Sociali, dove la settimana scorsa ha presentato cinque emendamenti contrari. Dall’altro Draghi vorrebbe estenderlo anche ai dipendenti della pubblica amministrazione, ai dipendenti di bar e ristoranti e ai lavoratori del privato.

Occorrerà superare gli ostacoli che bloccano il governo e decidere con le parti sociali e i sindacati su questioni cruciali: se imporre l’obbligo di Green Pass o invece quello di vaccino, se adottare protocolli rigidi o più flessibili, se garantire tamponi gratuiti o farli pagare. Servono altri giorni di tempo, e l’incontro di ieri tra il premier e il segretario della Cgil Maurizio Landini non è servito a sbrogliare questi nodi.

L’altro intoppo, poi, riguarda appunto la resistenza della Lega. Matteo Salvini fa il suo gioco e si lascia tentare da coloro che hanno presentato gli emendamenti contrari al Green Pass in Aula. Andare avanti ignorandoli significherebbe perdere esponenti di rilievo del partito come Claudio Borghi. In cambio però, il governo non porrebbe la fiducia, come richiesto dal segretario leghista.

“Spero che non la mettano. Chiederò al governo di non farlo”, ha detto Salvini. Palazzo Chigi si dice disponibile a concedere questo segnale se il leader del Carroccio convincerà i suoi a cedere sul decreto agosto. Eppure l’ex ministro ne fa una questione di principio e ricorda nella serata di ieri che la fiducia si mette “per superare l’ostruzionismo”, riporta Repubblica. La Lega, invece, “ha presentato cinque emendamenti”.

Questi però restano irricevibili dagli altri partiti del governo. E anche per il numero due del Carroccio, il Ministro Giancarlo Giorgetti, vicino alla linea di Draghi e quindi favorevole a imporre l’obbligo di Green pass alle categorie già contemplate dal decreto agosto e ad estenderlo ad altre, in quanto misura che “garantisce condizioni di sicurezza”. L’ultima parola, però, spetta a Salvini. “Non domandate a me, chiedete a Matteo”, fa sapere Giorgetti.

Ti potrebbe interessare
Politica / Compagni nella vita, avversari in politica: il curioso caso di Marco Zanleone e Paola Pescarolo
Politica / Meloni attacca Scurati, la replica dello scrittore: "Chi esprime un pensiero deve pagare un prezzo?"
Politica / Europee, oggi e domani il deposito dei contrassegni al Viminale: la diretta
Ti potrebbe interessare
Politica / Compagni nella vita, avversari in politica: il curioso caso di Marco Zanleone e Paola Pescarolo
Politica / Meloni attacca Scurati, la replica dello scrittore: "Chi esprime un pensiero deve pagare un prezzo?"
Politica / Europee, oggi e domani il deposito dei contrassegni al Viminale: la diretta
Politica / Elezioni Europee: oggi e domani il deposito dei contrassegni al Viminale
Politica / Lilli Gruber contro Giorgia Meloni: "Ha un problema con la grammatica"
Politica / “Il ritorno della geo-economia e l’Europa”: a Roma la prima iniziativa del Capitolo Italiano dei Friends of ERA
Politica / Porta a Porta, solo uomini da Bruno Vespa per parlare d’aborto. La presidente Rai Soldi richiama il conduttore
Politica / D’Antuono (Volt) a TPI: “Elezioni europee? Serve una riforma elettorale. Ecco cosa vogliamo fare”
Politica / Ilaria Salis candidata alle Europee: “Se eletta va subito liberata”
Politica / Europee, Ilaria Salis vicina alla candidatura con Avs