Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Complotto contro Conte, spunta un incontro segreto tra Draghi e D’Alema a dicembre 2020

Immagine di copertina
Foto Credit: ANSA

"L'ex presidente della Bce chiese un incontro all'ex premier e gli disse che occorreva pensare a un'alternativa per Palazzo Chigi": la rivelazione nel nuovo libro di Marco Travaglio

C’è un un nuovo indizio ad alimentare la teoria del complotto ai danni dell’ex premier Giuseppe Conte: a dicembre 2020, poche settimane prima della crisi di governo innescata da Italia Viva, Mario Draghi convocò a casa sua Massimo D’Alema e gli parlò della necessità di trovare un’alternativa per Palazzo Chigi. A rivelarlo è Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano, nel suo nuovo libro “I segreti del Conticidio”.

Sia D’Alema sia Draghi, , secondo quanto scrive Travaglio, hanno confermato che l’incontro c’è stato: nella casa romana di Draghi, ai Parioli. E a richiederlo sarebbe stato lo stesso ex presidente della Bce. Ma sui contenuti del colloquio le due versioni sono molto diverse.

Per D’Alema, Draghi nell’occasione avrebbe criticato il premier in carica Conte e in particolare il fatto che Palazzo Chigi nel 2019 avesse indicato proprio il nome di Draghi per la presidenza della Commissione europea. L’ex presidente della Bce avrebbe sostenuto inoltre che il governo giallorosso guidato da Conte era “destinato a fallire” e che occorreva “pensare a un’alternativa”.

D’Alema riferisce di avergli consigliato di sostenere l’esecutivo in carica e di aspettare l’elezione del nuovo presidente della Repubblica. Al che, però, Draghi avrebbe risposto che “al Quirinale non ci si candida”.

Completamente diversa la ricostruzione fornita dall’attuale presidente del Consiglio, secondo il quale nell’incontro si parlò invece molto di Cina e poco di politica interna.

Travaglio nel suo libro racconta poi di un altro episodio a sostegno della teoria del complotto dei poteri forti contro Conte. Il giornalista riferisce che il 21 ottobre 2019 – poco più di un mese dopo l’insediamento del governo giallorosso – Paolo Grimoldi, deputato della Lega fedelissimo di Giancarlo Giorgetti, confidò ad alcuni consiglieri regionali lombardi del Carroccio che, a inizio 2020, dopo l’approvazione della Legge di Bilancio, Renzi avrebbe fatto saltare l’esecutivo facendo leva sui parlamentari Pd a lui fedeli e lavorando di sponda con Lega e Forza Italia per formare un governo di larghe intese. Poi arrivò la pandemia e il progettò sfumò. O forse – come sostiene Travaglio – fu solo rinviato di un anno.

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Ti potrebbe interessare
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro