Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Crisi di governo, Di Maio rompe il silenzio: “Basta giochini di palazzo e tagliamo il numero dei parlamentari”

Immagine di copertina

Dopo la bocciatura in Senato sulla Tav e la frattura con gli alleati della Lega

Di Maio: “I giochini di palazzo non ci piacciono”

Il leader del Movimento 5 stelle, Luigi Di Maio, ha parlato. La prima dichiarazione di intenti che arriva 24 ore dopo la sonora bocciatura in Senato sulle mozioni Tav. “C’è una riforma del M5s che aspetta l’ultimo voto il 9 settembre. Il 9 settembre taglieremo definitivamente 345 parlamentari”, ha annunciato su Facebook.

Il 9 settembre, quindi, il vicepremier e ministro del Lavoro Di Maio pensa che questo governo sarà ancora in carica, nonostante la profonda crisi che si è aperta ieri con la Lega. Tanto che, l’altro vicepremier, il leghista Matteo Salvini pare abbia chiesto al premier Giuseppe Conte, nel corso di un colloquio a Palazzo Chigi, “la testa” di alcuni ministri grillini, primo fra tutti quella di Danilo Toninelli, il titolare delle Infrastrutture.

“I giochini di palazzo –  ha scritto Di Maio in un lungo post su Facebook – non ci sono mai piaciuti e questo dibattito sulle poltrone inizia a stancarmi. Siamo andati al governo non per chiederle, ma per tagliarle. E lo abbiamo messo nero su bianco nel contratto, insieme alla Lega”.

E per decidere come muoversi, da qui in avanti, Di Maio, che ieri ha annullato l’assemblea politica con tutti i parlamentari eletti, ha incontrato a Palazzo Chigi i capigruppo M5S Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli. Nella sede del Governo Di Maio dovrebbe incontrare anche il premier.

> Qui tutte le ultime notizie sulla crisi di governo

Le intenzioni del leader del M5s

Il ministro grillino non ha intenzione, quindi, di fare alcun passo indietro al momento. Almeno non fino a quando non arriverà l’ok alla riforma costituzionale.

“Significa che alle prossime elezioni molti vecchi politicanti dovranno iniziare a cercarsi finalmente un lavoro. È una riforma epocale contro i privilegi dei politici e in favore del buon senso”, ha scritto Di Maio.

“Per anni lo Stato ha saputo solo chiedere, dal 9 settembre invece comincerà a restituire qualcosa indietro ai cittadini: risparmiamo mezzo miliardo di euro da mettere su strade, ospedali, sulla riduzione delle tasse”, aggiunge.

E lancia un messaggio agli alleati della Lega: “Manca solo l’ultimo voto e mi auguro nessuno si tiri indietro all’ultimo minuto, sarebbe gravissimo. Anzi, sarebbe un segnale al Paese. Il segnale di chi non vuol cambiare nulla”.

Come per dire: nonostante la bocciatura di ieri sulla Tav, noi restiamo perché dobbiamo arrivare a quel risultato, al taglio delle poltrone dei parlamentari.

“Le parole sono belle ma non bastano. Servono i fatti”, ha concluso.

> Salvini: “Qualcosa al governo si è rotto”
Ti potrebbe interessare
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Ti potrebbe interessare
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi