Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Renzi: “Nessun pregiudizio su Conte”. Ma punta a un altro premier

Immagine di copertina

Governo, Renzi: “Nessun pregiudizio su Conte”

Dopo essere tornato in tutta fretta da una conferenza a Ryad, in Arabia Saudita, in serata Matteo Renzi ha confermato la linea che Italia Viva terrà al Quirinale, dove il partito è atteso domani per le consultazioni con Mattarella. Ed è quella di “non avere pregiudizi“. “Al Quirinale senza pregiudizi”, scrive nella sua e-news. Significa che i renziani non faranno al Capo dello Stato il nome del premier dimissionario, ma non proporranno nemmeno un’altra figura.

Eppure qualsiasi governo guidato da Conte e appoggiato da Iv (che da parte sua preferirebbe una figura come Dario Franceschini) dovrebbe segnare una discontinuità con il precedente, fa sapere il coordinatore Ettore Rosato. Lo ribadisce anche l’ex capo delegazione Teresa Bellanova, per cui la terza investitura di Conte non può essere scontata o incisa sulla roccia, né una condizione per formare il futuro esecutivo.

D’altra parte, per alcuni, potrebbe essere proprio la discontinuità su Palazzo Chigi a rappresentare una condizione per l’ingresso nella maggioranza. “Il nome del nuovo primo ministro dovrà essere solo una conseguenza della maggioranza che si profilerà”, ribadisce l’ex sottosegretario Ivan Scalfarotto. 

Renzi ancora determinante per il nuovo governo

Renzi intanto è convinto che il premier avrà difficoltà a trovare i numeri per andare avanti in modo stabile senza i suoi 18. Il nuovo gruppo parlamentare che si è costituito ieri in Senato con il simbolo del Maie – “Europeisti Maie centro democratico” è formato da 10 senatori che avevano già votato la fiducia al governo, e che dunque non possono essere determinanti per lo scatto verso la maggioranza assoluta in Senato, salvo nuovi ingressi.

Tra le fila dei renziani, inoltre, quasi nessuno ha disertato le indicazioni del leader, e ieri sono arrivate le prime smentite da Forza Italia sulla possibilità che alcuni senatori entrino nel gruppo dei “responsabili” di Conte. Tradotto, anche l’eventuale nuovo governo non può prescindere dall’appoggio del senatore di Rignano.

Le due alternative di Renzi

Renzi lo sa, e spetta a lui ancora una volta decidere come andare avanti: può completare l’opera e far saltare definitivamente la testa a Conte aprendo la strada a un nuovo premier, o invece fermare la sua crociata e rientrare in maggioranza continuando a tenere il punto, con una vittoria politica in tasca. L’esecutivo dovrà mostrare un più netto cambio di passo: il Recovery Fund, si legge nella e-news, “non è ancora all’altezza delle aspettative” e il piano vaccini gestito da Arcuri “mostra evidenti ritardi”

L’ipotesi a cui però non pensa Renzi è che bloccare la strada al Conte ter potrebbe essere un problema per alcuni esponenti di Iv e provocare una spaccatura all’interno del gruppo, con alcuni disposti a tornare nel Partito Democratico.

Leggi anche: 1. Governo, il rebus dei voti per il Conte ter: il premier apre a tutti (compreso Renzi) 2. Conte, dopo le dimissioni 48 ore per trovare una maggioranza o addio reincarico / 3. Conte ter, nuovo premier o governo tecnico: cosa può succedere dopo le dimissioni / 4. Carelli (M5s) a TPI: “No ai responsabili. Riapriamo il dialogo con Renzi senza parlare del Mes”
Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”