Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Crisi di governo, strappo del centrodestra: “Discontinuità, serve un nuovo esecutivo senza i 5 stelle”

Immagine di copertina

Crisi di governo, strappo del centrodestra: “Discontinuità, serve un nuovo esecutivo senza i 5 stelle”

“Un nuovo governo senza i 5 Stelle”. È questa la richiesta fatta nella Lega nella giornata cruciale per le sorti del governo Draghi, sempre più in bilico dopo lo strappo annunciato dal capogruppo del Carroccio al Senato. “Si prenda atto che è nata una nuova maggioranza che è quella del 14 luglio”. ha detto oggi Massimiliano Romeo, in un duro intervento che ha aperto un nuovo capitolo nella crisi aperta la settimana scorsa, con il “non voto” del Movimento 5 stelle alla fiducia.

“Serve ricostruire un nuovo patto come lei ha detto, noi ci siamo ma con una nuova maggioranza e un nuovo governo”, ha sottolineato Romeo, dopo il discorso tenuto a Palazzo Madama da Mario Draghi, in cui aveva chiesto di “ricostruire il patto di fiducia”.

Una richiesta formalizzata in una risoluzione presentata da Roberto Calderoli, che chiede “una discontinuità sulla linea politica”, depositata poco prima di un’altra risoluzione sottoscritta

I senatori dei partiti del centrodestra al governo hanno chiarito che voteranno solamente questa risoluzione, che chiede un “patto” per un nuovo governo, profondamente rinnovato, guidato ancora da Mario Draghi e senza il Movimento 5 Stelle e non un altro testo presentato da Pierferdinando Casini, a favore invece della prosecuzione dell’attuale governo.

Lo strappo del centrodestra è arrivato mentre i vertici della coalizione si riunivano nella villa di Silvio Berlusconi sull’Appia antica, per definire la linea dopo la ripresa dei lavori al Senato alle 16.45.

I nuovi sviluppi hanno spinto il presidente della Repubblica ad avviare consultazioni telefoniche, sentendo i leader della maggioranza per fare il punto della situazione dopo il dibattito parlamentare in Senato sulla fiducia. Tra le ipotesi, anche quella delle condizioni per un Draghi bis, come chiesto dal centrodestra.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Ti potrebbe interessare
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”