Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Conte l’impolitico

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

Fenomenologia di un leader al di sopra delle parti

Scriveva il filosofo e giurista Carl Schmitt che “il fatto di definire il nemico come politico e se stessi come non-politici (cioè come scientifici, giusti, obbiettivi, imparziali) costituisce proprio un modo tipico e particolarmente intensivo di far politica”. L’impolitico è colui che, a differenza del politico, non prende parte, amministra in nome dell’oggettività della ragione, rifugge l’ideologia e riduce la politica a meri rapporti di forza.

Conte l’impolitico può quindi saltellare da una maggioranza all’altra, dal sovranismo al progressismo, occhieggiando al centrismo moderato. Può brandire il decreto sicurezza e issare il vessillo dell’europeismo, può essere la sintesi tra Salvini e Di Maio, ma anche tra Di Maio e Zingaretti, forse pure tra Bonafede e Paolo Romani. Lo fa per potere, o forse per ragion di stato, di sicuro con la sua impoliticità sobilla e appaga il trasformismo turbo-parlamentarista dei politici di professione.

L’impolitico è uno spirito libero, un’anima bella del parlamento, è la società civile che va in Paradiso. Sguazza autonomo tra gli scranni dell’aula, può sedurre ma non essere sedotto, è pronto a offrire la sua impoliticità al Paese e costruire la migliore delle maggioranze possibili.

L’impolitico sa che troverà ascolto nell’era post-ideologica, sa di essere la sintesi perfetta di n’importe quoi. Orgoglioso della sua malleabilità, pronto a metterla a disposizione di riforme al di là del bene e del male. L’impolitico schifa il secolo breve, è un flaneur delle ideologie, che assorbe indistintamente trattenendo solo ciò che serve.

Per l’impolitico il potere logora chi fa politica, ma non lui: è un indifferente ma tutt’altro che inetto, è un cartesiano mai schiavo delle passioni, sempre certo di se stesso in una costante prova ontologico-politica della propria esistenza. Una prova a priori, ma anche a posteriori: per questo puntella maggioranze alternative, ne crea ex nihilo, è certo di sopravvivere in barba al pallottoliere.

L’impolitico non si illude di essere onnipotente, è una trinità secolarizzata fatta di destra, centro e sinistra, è coincidentia oppositorum, e in modo fiero. L’impolitico è un avvocato, ma non di qualcuno, bensì del popolo tutto. È un uomo per tutte le stagioni, è di governo e mai di lotta, o è di lotta solo in funzione del governo.

L’impolitico viene dal popolo, e il popolo lo apprezza: è uno di noi, un bel presidente, l’apostolo del consumo culturale pop sublimato in conferenza stampa. È talmente gentile e rassicurante da silenziare ogni istinto parricida, con lui i Dpcm sono una edenica servitù volontaria.

Ma l’arte dell’impolitico è anche il suo scacco: è un totem usa-e-getta, appartiene a tutti e a nessuno, è il garante della sopravvivenza comune finché non la mette in pericolo. È la scala di Wittgenstein: utile per arrivare in cima e vederci chiaro, poi da gettare. È una sbornia post-ideologica che prima o poi deve passare, è colui che si può ricacciare nel mondo di sotto senza che nessuno sporga denuncia. È la celeberrima notte in cui tutte le vacche sono nere, può finire rapidamente nell’oblio anche tra le folle prima adoranti.

Da principio tutti sembrano disposti a gettarsi nel fuoco per lui, ma lentamente subentra lo spaesamento. Quella prova ontologica sull’esistenza dell’impolitico diventa un dubbio iperbolico: davvero l’impolitico è esistito, e se sì, chi era? Egli così scolorisce, si fa impalpabile, da statista si sgonfia in incidente della storia, ferro vecchio.

Per evitare tale fine l’impolitico le proverà tutte: sa che egli o è Palazzo Chigi o non è. Se i responsabili non escono dalla tana, all’impolitico non resta che l’incoronazione plebiscitaria: un gorgo elettorale in cui risolvere ogni conflitto in un’indistinzione politico-pandemica in cui può prosperare chi è al di sopra delle parti.

Leggi anche: 1. Conte, dopo le dimissioni 48 ore per trovare una maggioranza o addio reincarico / 2. Conte ter, nuovo premier o governo tecnico: cosa può succedere dopo le dimissioni / 3. Carelli (M5s) a TPI: “No ai responsabili. Riapriamo il dialogo con Renzi senza parlare del Mes”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Di Maio, Azzolina, Spadafora e la lezione degli scissionisti che finiscono sempre con lo zerovirgola (di L. Telese)
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Politica / L’ex europarlamentare del M5S Rondinelli passa con Di Maio: ricoperta di insulti sui social
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Di Maio, Azzolina, Spadafora e la lezione degli scissionisti che finiscono sempre con lo zerovirgola (di L. Telese)
Ambiente / Emergenza siccità, il governo prepara il Dpcm: tutto il Nord in “zona rossa”. A rischio anche Marche e Lazio
Politica / L’ex europarlamentare del M5S Rondinelli passa con Di Maio: ricoperta di insulti sui social
Politica / Calenda: "Di Maio? In un paese normale sarebbe stato preso a pernacchie"
Politica / Di Battista: “Mi siederei al tavolo con Conte solo se il M5S esce dal governo prima dell’estate”
Politica / “Sanzione da 100mila euro per chi lascia il M5s”: ora Di Maio rischia di pagare la multa che lui stesso ha voluto
Politica / Varoufakis a TPI: “La sinistra è finita. Ma il capitalismo anche”
Politica / Scissione M5S, Conte: “Sostegno a Draghi non è in discussione. Non mi dimetto”
Politica / Scissione M5s, Bersani: “Vedo gente che festeggia ma è il sistema che sta ballando sul Titanic”
Politica / "Basta con il mercato della vacche": quando Di Maio si scagliava contro i "voltagabbana"