Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Telefonate ad alta tensione con Draghi”: Conte vuole minare la leadership del premier

Immagine di copertina

“Telefonate ad alta tensione con Draghi”: Conte vuole minare la leadership del premier

Il nuovo programma di Giuseppe Conte per la rifondazione del M5S deve fare i conti con Mario Draghi. Stando a quanto riportato da un retroscena di Francesco Bei su Repubblica, infatti, il leader in pectore del Movimento ha intenzione di diventare “primo partito” e minare la leadership del suo successore.

Sarebbero stati già tre i momenti di scontro tra i due: la prima volta in occasione della nomina di Elisabetta Belloni a capo del Dis al posto di Gennaro Vecchione. L’ex premier avrebbe provato, inutilmente, ad opporsi alla scelta arrivata al culmine di una serie di passi falsi da parte dell’uomo da lui nominato all’epoca del governo giallo-verde, come il silenzio sul caso Renzi-Mancini.

Poi il tema Cassa depositi e prestiti e la decisione di Draghi di nominare Dario Scannapieco nuovo amministratore delegato, in sostituzione di Fabrizio Palermo: anche in questo caso la telefonata di Conte ha avuto esito negativo.

Infine, il blocco dei licenziamenti, che l’ex primo ministro avrebbe voluto prolungare sulla scia di Andrea Orlando. “Palazzo Chigi non poteva ignorare il parere del partito di maggioranza relativa”, avrebbe detto Conte a Draghi. Ma troppo tardi, perché il Ministro del Lavoro aveva già intrapreso la strada alternativa, e Conte ha dovuto arrendersi. Ma adesso la strategia del nuovo Movimento potrebbe andare nella stessa direzione: criticare dal basso e, senza spallate, intraprendere la strada di un “crescente bradisismo”, scrive Bei.

Eppure tra Conte e Draghi c’è Luigi Di Maio, secondo cui alzare la tensione all’interno del governo non giovi al M5S perché “chi attacca Draghi, scende nei sondaggi”. Ma l’inarrestabile ascesa dell’unico partito all’opposizione, Fratelli d’Italia, dimostra il contrario.

Ti potrebbe interessare
Politica / Con Meloni più voli di Stato: la classifica dei ministri che ne usano di più
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Ti potrebbe interessare
Politica / Con Meloni più voli di Stato: la classifica dei ministri che ne usano di più
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale