Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Ecco i nomi in lizza per la nuova squadra di Conte a capo del M5S

Immagine di copertina

Il leader in pectore del M5S, Giuseppe Conte non è stato ancora incoronato ufficialmente. Ma è già partito il toto-nomi per le “poltrone” che contano nell’alveare grillino. L’ex Presidente del Consiglio verrà eletto capo politico del Movimento oggi dagli iscritti sulla piattaforma SkyVote. Dopo questo però, ci sarà la nomina dei vice, così come stabilito dal nuovo Statuto.

Conte, comunque, non sarà il solo a dover scegliere dei nomi da piazzare in posti strategici. Anche Beppe Grillo, col quale c’era stato un durissimo scontro a causa di una possibile diarchia, dovrà muovere le sue pedine. E così ci sarà una spartizione degna delle migliori pratiche dell’ormai antica prima Repubblica.

Grillo, fondatore e garante del M5s, dovrà nominare i membri del comitato di garanzia. La scelta con tutta probabilità cadrà su Luigi Di Maio e Roberto Fico, gente della vecchia guardia, gente che deve tutto all’Elevato e che difficilmente tradirà. Tra i prescelti di Conte, invece, ci potrebbe essere Vito Crimi per la vicinanza dimostrata negli ultimi mesi. Ma sembrano essere quasi certi anche i nomi di Chiara Appendino, sindaca uscente di Torino; Paola Taverna, vicepresidente del Senato; l’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina; l’ex sottosegretario a Palazzo Chigi Maurizio Turco e il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli. Tutti fedelissimi dell’ex Presidente del Consiglio.

Ma la vera notizia, più che l’ennesima spartizione dei posti in salsa partitica (così fan tutti), è l’assordante silenzio di Beppe Grillo in tutti questi giorni, soprattutto dopo la ratifica del nuovo statuto voluto da Giuseppe Conte da parte degli iscritti al Movimento 5 Stelle. Segno che non tutto fila liscio in casa grillina e che la ‘pax’ finora siglata tra i due, Conte e Grillo, è solamente una “pace armata”.

“Non ha detto una parola né per invitare gli iscritti a votare per lo statuto né per congratularsi con il leader in pectore per il risultato raggiunto”, spiega un big pentastellato. Un vero e proprio “silenzio assordante”.

Ma le polemiche all’interno del movimento non finiscono qui. C’è chi fa notare che Conte ha raggiunto il quorum nel voto sul suo Statuto solamente “grazie” ai no dei contrari. Se infatti chi ha votato No (7.702 iscritti) avesse disertato le urne anziché votare, la votazione sullo statuto non avrebbe raggiunto il quorum (posto a 57 mila votanti, mentre i voti totali sono stati meno di 61 mila). E la cosa non avrebbe certamente lasciato indifferente nemmeno l’Elevato.

Leggi anche: Fonti Lega a TPI: “Salvini ha paura delle elezioni: per questo non rompe con Draghi”

Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)