Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

La Consulta respinge il ricorso di Sgarbi contro i Dpcm di Conte: “Non è mancato il confronto in Parlamento”

Immagine di copertina

La Consulta respinge il ricorso di Sgarbi contro i Dpcm di Conte: “Non è mancato il confronto in Parlamento”

La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri in relazione a numerosi atti, decreti legge, dpcm, decreti e ordinanze ministeriali, adottati per fronteggiare l’emergenza Covid dall’inizio della pandemia allo scorso autunno, a quando risale il deposito dei ricorsi. Lo riporta Askanews. La questione era stata sollevata dai deputati Vittorio Sgarbi e Sara Cunial. Lo storico dell’arte a novembre scorso, per mano dell’avvocato Alessandro Fusillo, aveva presentato ricorso contro Palazzo Chigi, accusato di aver espropriato il Parlamento delle sue funzioni nell’emanazione dei dpcm di contrasto all’emergenza sanitaria, e chiamato la consulta a esprimersi.

La decisione dei giudici è arrivata con due ordinanze depositate ieri, martedì 13 aprile. Secondo la Consulta “dalla medesima narrativa del ricorso emerge come non sia mancato il confronto parlamentare e come i deputati abbiano avuto la possibilità di esercitare le proprie funzioni costituzionali, nel corso dei ‘passaggi parlamentari’ principalmente in sede di conversione in legge dei decreti-legge indicati in ricorso”.  “La lamentata distorsione degli istituti previsti dagli articoli 76 e 77 della Costituzione, conseguente all’asserita ‘espropriazione’ della funzione legislativa nei termini prospettati in ricorso, – scrivono i giudici – sarebbe semmai idonea a menomare, in ipotesi, le attribuzioni dell’intera Camera cui appartiene il deputato ricorrente, posto che la funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere”.

E “quando il soggetto titolare della sfera di attribuzioni costituzionali che si assumono violate è la Camera di appartenenza, e quest’ultima, e non il singolo parlamentare, legittimata a valutare l’opportunità di reagire avverso le supposte violazioni”. “Non è sufficiente affermare che anche ogni singolo parlamentare sarebbe stato ‘totalmente espropriato’ delle sue prerogative, in quanto non è ipotizzabile alcuna concorrenza tra la legittimazione attiva del singolo parlamentare e quella della Camera di appartenenza”.

“Noi del Movimento libertario da mesi ci stavamo chiedendo com’è possibile che nessun parlamentare solleva il conflitto di attribuzione? Poi abbiamo conosciuto il deputato VittorioSgarbi e gli abbiamo proposto di presentare questo procedimento di conflitto di attribuzione. Cosa diciamo in estrema sintesi? Che il Parlamento è stato espropriato delle sue funzioni. In un Paese democratico le leggi vengono fatte dal Parlamento. Tutte le fondamenta di un Paese democratico sono state messe in discussione, non da una legge (e già ci sarebbero dei problemi), ma da un decreto del Presidente del Consiglio. Quindi noi siamo al di fuori della legalità costituzionale, in cui il Governo ha delegato il suo Presidente del Consiglio ad adottare delle norme che incidono in modo drammatico e terribilmente invasivo sui nostri diritti fondamentali” aveva dichiarato a novembre a Radio Radio il legale di Sgarbi. 

Leggi anche: Ferrara, Sgarbi in mezzo alla folla senza mascherina: “Conte è un cogl**ne” | VIDEO  
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni