Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Cernobbio, Salvini e Meloni divisi sulle sanzioni. Il segretario leghista: “Serve uno scudo europeo”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/MATTEO BAZZI

Cernobbio, Salvini e Meloni divisi sulle sanzioni. Il segretario leghista: “Serve uno scudo europeo”

“Siamo al settimo mese di guerra e le esportazioni italiane si sono dimezzate”. “Se l’Italia si sfila dai suoi alleati, per Kiev non cambia niente ma per noi sì”.

A Cernobbio sono andate in scena le divisioni tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni. ospiti entrambi del Forum Ambrosetti, insieme agli altri leader dei principali partiti, i due non hanno mancato di rimarcare le differenze tra le principali forze del centrodestra, sempre più favorito nei sondaggi.

Salvini ha continuato a battere il tasto sulle sanzioni, responsabili secondo lui dell’emergenza energetica. “Andiamo avanti con le punizioni per l’aggredito, ma proteggendo i nostri lavoratori”, ha detto. “Vincere le elezioni ereditando un paese in ginocchio non sarebbe una grande soddisfazione”. Il segretario leghista è anche tornato a invocare lo scostamento di bilancio per sventare una crisi che rischia di travolgere interi settori dell’economia.

La soluzione, secondo Salvini, non è nel rimuovere le sanzioni ma in uno “scudo energetico”, garantito dall’Unione Europea, che l’ex ministro dell’Interno si augura possa essere attuato “nelle prossime ore”.

Giorgia Meloni invece ha chiuso la porta a nuovo deficit e ha difeso le scelte dell’Italia in politica estera. “Se l’Ucraina cade e l’Occidente perisce, il vincitore non sarà solo la Russia di Putin ma la Cina”, ha sottolineato la leader del centrodestra, confermando la volontà di intervenire sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), nonostante le perplessità espresse il giorno prima dal ministro dell’Economia Daniele Franco. “Non può essere una eresia dire che il Pnrr non può essere perfezionato: è previsto nella norma”.

Un netto “no alle rinegoziazioni” è arrivato da Enrico Letta, presente a Cernobbio dal 1999, che ha definito il Pnrr “la stella polare”. “Se ci mettessimo in un confronto con Bruxelles perderemmo soldi e prospettive per il futuro”, ha detto il segretario del Partito democratico, che ha definito il voto al Pd “l’unico” per evitare che venga eletto il “blocco della destra”. “Se vincesse la destra il 25 settembre sera brinderebbe in primo luogo Putin, poi Orban e poi Trump”.

L’unico leader a intervenire in videocollegamento e non in presenza è Giuseppe Conte, che ha difeso il reddito di cittadinanza dagli attacchi di Giorgia Meloni (lo aveva definito “un fallimento). “Cancellarlo è fare la guerra ai poveri”, ha detto il presidente del Movimento 5 stelle, invocando anche lui uno scostamento di bilancio per “proteggere il tessuto sociale e imprenditoriale”. L’ex presidente del Consiglio ha anche chiesto che l’inflazione non sia una scusa per “politiche di austerity”.

“Spezzare il bipopulismo che spacca l’Italia” è la missione che si è dato Carlo Calenda, il politico più applaudito a questa edizione del Forum Ambrosetti. Il leader di Azione si è detto pronto a fare “il governo più largo possibile”, attaccando però Forza Italia per aver “sfiduciato Draghi” e Salvini che girava per “per il parlamento europeo con la maglietta di Putin”.

Duro lo scontro tra l’ex ministro dello Sviluppo economico e il coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, che ha accusato Calenda di essere un “falso” e ha ricordato al rivale centrista di aver cambiato diversi partiti. Riguardo le possibili divisioni nel centrodestra, Tajani ha assicurato che Forza Italia non lascerà la coalizione. “Non soffro della sindrome del traditore”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Ti potrebbe interessare
Politica / Nel paese natale di Conte M5S all’85%, il sindaco: “Conte mi ha scritto commosso”
Politica / Cirinnà (Pd): “Ha perso il partito, Letta mai sentito e mai lo risentirò”
Politica / Renzi rompe il silenzio: "Meloni ringrazi Letta"
Politica / Pd, parte il totosegretario: da Bonaccini a Schlein, i candidati alla successione di Letta
Politica / Giorgia Meloni festeggia la vittoria alle elezioni in palestra
Politica / Totoministri, Meloni chiude a Salvini: non avrà il Viminale o altri ministeri chiave
Politica / La sorella di Giorgia Meloni: "Non è vero che è contro l'aborto"
Politica / La mamma di Giorgia Meloni: "Ora tolga subito la vergogna del Rdc"
Politica / Bossi fuori dal Parlamento dopo 35 anni: "Dal Nord messaggio chiaro, va ascoltato". Maroni: "Alla Lega serve un nuovo segretario"
Politica / Salvini: "Abbiamo pagato sostegno a Draghi ma non mi dimetto"