Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Dopo Figliuolo e Curcio, Draghi è pronto ad aprire il dossier Cdp: in nomi in lizza

Immagine di copertina
Il premier Mario Draghi. Credit: ANSA

Delle nomine sulle partecipate pubbliche non si parla almeno sino al prossimo mese di aprile: questo è il mantra che viene da Palazzo Chigi. Ciò detto, le manovre e i posizionamenti intorno alle aziende “gioielli di famiglia” il cui management è di prossima scadenza sono in pieno corso.

Della Rai si è qui già detto giorni fa (e c’è chi aggiunge che il flop enorme che si profila per Sanremo potrebbe accelerare il cambiamento – al vertice di Rai 1 ma non solo – con buona pace di chi spera in improbabili proroghe dei vertici). Ma il vero boccone grosso è la Cdp: Cassa depositi e prestiti, dove la poltrona dell’amministratore delegato Fabrizio Palermo è considerata sempre più traballante.

Palermo negli ultimi tempi era diventato il vero emblema del “contismo” al potere, forse ancor più di Arcuri o dello stesso Vecchione ai Servizi (tutti prontamente sostituiti).

Tanti i dossier in cui la Cdp è stata chiamata da Palazzo Chigi a prendere posizione in maniera sempre molto importante. Solo per citare i più delicati: la trattativa con Autostrade per l’Italia, Open Fiber, il Cda di Telecom. Le posizioni prese da Cassa Depositi e Prestiti su questi temi sono state tutte caratterizzate da una stretta adesione al contismo

Ora il nuovo inquilino di Palazzo Chigi – dopo aver messo mano ai vertici della Protezione Civile con Curcio, al commissariato per l’emergenza Covid con il generale Figliuolo e ai Servizi Segreti con Gabrielli – punta a dare un forte segnale di discontinuità anche nei confronti della “cassaforte” di Stato.

Chi sostituirà Palermo sarà scelto direttamente da Draghi, sentito il ministro dell’Economia Franco: ben difficilmente su questo dossier potrà entrare la politica (anche se ci proverà). In quest’ottica, in pole position c’è Dario Scannapieco, che può vantare una conoscenza diretta e personale con Mario Draghi, di cui è stato collaboratore al Tesoro e che molto difficilmente potrebbe dire di no alla chiamata di super Mario, nonostante l’incarico di prestigio (vicepresidente) alla Bei.

Ma nei palazzi del potere circolano anche altri nomi: dall’ex direttore generale di Montepaschi Marco Morelli (stimato dal Pd) all’ex Sace e ora Zurich Italia Alessandro Castellano (apprezzato negli ambienti di centrodestra). E c’è anche chi punta su un ritorno dell’ex, ora Fincantieri, Fabio Gallia.

Leggi anche: Altro che Fiorello e Amadeus: ecco i nomi che contano veramente in Rai (e che la politica vuole cambiare)

Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda: “Conte e Salvini si somigliano. Nuovo Papeete prima dell’estate”
Politica / Di Battista contro il mancato strappo del M5S: “E anche oggi il Movimento 5 Stelle esce dal governo domani”
Politica / Gelo nel Pd dopo il tentato strappo M5S: “Non si sta così al governo”. Conte: “Le alleanze non sono un dato acquisito”
Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda: “Conte e Salvini si somigliano. Nuovo Papeete prima dell’estate”
Politica / Di Battista contro il mancato strappo del M5S: “E anche oggi il Movimento 5 Stelle esce dal governo domani”
Politica / Gelo nel Pd dopo il tentato strappo M5S: “Non si sta così al governo”. Conte: “Le alleanze non sono un dato acquisito”
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Politica / M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”