Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Caso camici, chiuse le indagini: per i pm “Fontana ha anteposto il suo interesse a quello pubblico”

Immagine di copertina
Il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana. Credit: ANSA/Mourad Balti Touati

Il governatore lombardo: "Sono amareggiato. La verità è un'altra"

“Sono molto amareggiato per le questioni di carattere morale e politico che emergono da questa vicenda e che rappresentano esattamente il contrario della verità. La verità è un’altra“. Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commenta con queste parole la notizia che la Procura di Milano ha chiuso le indagini preliminari a suo carico nel “caso camici“. “Ho agito in modo tale che la Regione non subisse danni e per questo ho voluto ripristinare la prassi della donazione”, dichiara il governatore lombardo. A Fontana e ai co-indagati, tra cui il cognato Andrea Dini e l’ex dg di Aria spa Filippo Bongiovanni, i pm Furno-Scalas-Filippini, coordinati dall’aggiunto Maurizio Romanelli, contestano l’ipotesi di reato di frode in pubbliche forniture.

Caso camici: le accuse a Fontana e agli altri indagati

I pm contestano, in particolare, di aver messo in atto una “frode”, con “artifizi concordati e messi in opera allo scopo di tutelare l’immagine politica del presidente Fontana, una volta emerso il conflitto d’interessi derivante dai rapporti di parentela con” Dini. Per farlo, secondo la procura, i cinque indagati avrebbero tentato di “simulare l’esistenza ab origine di un contratto di donazione in luogo di quello realmente stipulato di fornitura onerosa”.

Nell’avviso di conclusione delle indagini, la procura di Milano scrive che “ci fu un accordo collusivo” tra Andrea Dini e Attilio Fontana, suo cognato, “con il quale si anteponevano all’interesse pubblico, l’interesse e la convenienza personali del Presidente di Regione Lombardia”, il quale da “soggetto attuatore per l’emergenza Covid” si “ingeriva nella fase esecutiva del contratto in conflitto di interessi” sull’ormai nota fornitura di camici e altri dpi trasformata in donazione”.

Il legale di Fontana Jacopo Pensa, in una nota, ha scritto che il governatore “non si riconosce per come è stata ricostruita la vicenda” da parte della Procura di Milano, che riguarda l’ambito dell’accordo di fornitura di 75mila camici e altri dpi della società di proprietà del cognato alla Regione Lombardia nell’aprile 2020. “La notifica di oggi”, “Sono amareggiato. La verità è un’altra”a aggiunto il difensore, “consentirà di assumere le iniziative previste della legge per dare un contributo di chiarezza allo sviluppo dei fatti che così come descritti non corrisponde al vissuto del Presidente”.

Leggi anche: Caso Camici, Fontana indagato anche per autoriciclaggio

Ti potrebbe interessare
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Ti potrebbe interessare
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto