Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

”Vacca, cesso, lavati”: Lo sconvolgente body shaming degli hater leghisti a Carola dopo l’intervista a Piazzapulita

Immagine di copertina

“Sembra la figlia di Fantozzi. Ma lei vestiva meglio e i capelli almeno li lavava”. E ci sono insulti anche peggiori

Carola Rackete, gli insulti dei sostenitori di Salvini dopo l’intervista a Piazzapulita

“Ascella pezzata non avrai i nostri porti”. “Fatele fare una ceretta, è rimasta al Medioevo: baffi e ascelle”. “Sembra la figlia di Fantozzi. Ma lei vestiva meglio e i capelli almeno li lavava”. “Sparati, vacca”. “Lesbicona marcia”. “Brutta come il cancello del cimitero”. “Ma siamo sicuri del sesso?”. “Fai un favore al Pianeta: muori”.

Quest’elenco da brividi potrebbe andare avanti all’infinito. Centinaia, migliaia di commenti scritti tra le 22.30 di ieri e questa mattina da un plotone di bestie schiumanti, (uomini e donne senza distinzioni) sul post di Salvini o sulle pagine satellite della galassia leghista, in un crescendo spaventoso di ferocia e violenza nei confronti di Carola Rackete.

carola rackete

E tutti hanno qualcosa in comune: colpiscono l’aspetto fisico. Non una parola o una critica sui dieci minuti di intervista della Capitana a Piazza Pulita, anche perché non saprebbero neanche da dove cominciare.

Quello che fanno gli hater è prendere di mira il corpo di Carola, un particolare, un difetto, il modo di vestire, l’esteriorità, in un vero e proprio body shaming il cui unico scopo è quello di annullare l’avversario, annichilirlo, screditarlo, di spostare l’attenzione dal tema complesso dei cambiamenti climatici e dei flussi migratori al grado zero del confronto: la derisione della persona, del modo in cui sceglie di essere o mostrarsi.

E questo accade solo ed esclusivamente perché Carola è una donna. Possiamo girarci intorno quanto vogliamo, ma la verità è che il sessismo, l’umiliazione fisica del corpo – e quello femminile in particolare – è un’appendice diretta, quasi una precondizione, di quella miscela di razzismo, intolleranza e xenofobia che tiene insieme il sovranismo in Italia e in Europa.

Cerca il sessismo e troverai il razzismo. E viceversa. E non finirà quando smetteremo di parlare di Carola, ma quando torneremo finalmente a parlare di cultura ad alta voce e a ricostruire l’educazione emotiva di questo Paese. Non esiste una battaglia oggi che abbia più senso combattere.

Carola Rackete a Piazzapulita su Salvini: “Non mi interessa la politica interna italiana”
Carola Rackete, il suo è il gesto politico più potente degli ultimi anni. Per questo la insultano
Ti potrebbe interessare
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Ti potrebbe interessare
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”
Politica / Sparo a Capodanno, Pozzolo accusato dal caposcorta di Delmastro: “La pistola è stata sempre in mano sua”
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori