Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Calenda a TPI: “Ai miei figli divieto assoluto di bere Coca Cola. Bibite zuccherate rendono obesi, giusto tassarle”

Immagine di copertina
Illustrazione di Emanuele Fucecchi

L’unica sorpresa è sulla Coca Cola, che a casa sua è proibita. Sulla plastic Tax Carlo Calenda è drastico: “Una fesseria, la plastica è riciclabile”. Sulla manovra nel suo complesso è scettico: “Posso dare solo un voto insufficiente: direi cinque e mezzo”.

Il cuneo fiscale non gli piace: “Io, piuttosto, concentrerei tutto sugli under 25 con uno sgravio totale sul costo del lavoro per i più giovani”. Il leader di Siamo Europei scalda i motori per la nascita del suo partito, perché il 16 novembre presenta nome e simbolo (“Lo faremo in modo non convenzionale, sarà una sorpresa”) ma c’è solo un provvedimento – tra i più importanti del governo – che non dispiace a Calenda: la sugar Tax.

E per spiegare quanto in lui sia forte il dubbio sulle bibite zuccherine rivela a TPI anche un dettaglio curioso sulla sua vita familiare: “I miei figli hanno il divieto assoluto di Coca Cola”. Poi spiega: “A casa Calenda non è mai entrata una sola bibita gasata in frigo, mai. Non una: divieto assoluto e inderogabile”.

Non si tratta di una posa. Calenda spiega il motivo della sua intransigenza così: “Conosco bene l’esperienza dell’America, dove ormai c’è in alcuni soggetti la disabitudine all’acqua, perché il gusto dei consumatori viene avvelenato fin da bambini con l’overdose di bevande zuccherate. Questa abitudine è così radicata che per loro l’acqua non sa più di nulla. Questo – spiega – va evitato ad ogni costo”.

Poi il ragionamento serio sul provvedimento: “Le tasse di scopo non mi fanno impazzire ma la sugar Tax risponde a un problema enorme. e reale. Le bibite iper zuccherine – spiega l’ex ministro – sono in relazione diretta con una malattia gravissima, l’obesità infantile. Quindi il problema è reale, è drammatico, ha anche un costo sociale”.

Però la tassa da sola non basta: “Io – aggiunge Calenda – sono più a favore dei messaggi culturali e credo che si dovrebbe partire da più lontano, con l’educazione alimentare a scuola: ma almeno di questo provvedimento capisco il senso”.

E quando gli chiedi se davvero i due piccoli Calenda non abbiamo mai bevuto Coca Cola sorride: “A casa sicuramente mai. Possono averlo fatto occasionalmente, magari ad una festa di scuola. Ma a casa nostra quella bibite non sono entrate e non entreranno mai”.

“Joker” sta diventando realtà: il capitalismo è una fabbrica di poveri e il mondo ha iniziato a ribellarsi

Ti potrebbe interessare
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Ti potrebbe interessare
Politica / Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Politica / Calabria: Pd, M5S e Leu candidano Maria Ventura, l’imprenditrice attivista Unicef
Politica / Amici, parenti e sconfitti delle regionali: così in Calabria si spartiscono le poltrone per gli enti pubblici
Politica / Eurodeputata Pd minacciata dagli antiabortisti con un feto di plastica: “Schiaffo a tutte le donne “
Politica / Sindacalista morto, Draghi: "Addolorato, si faccia luce"
Politica / Marino a TPI: “Il Pd ha offeso Roma mandandomi via. Anche Gualtieri doveva chiedere scusa”
Politica / Lettera a TPI: “Conte non rispecchia la base del M5S”