Covid ultime 24h
casi +17.083
deceduti +343
tamponi +335.983
terapie intensive +38

“L’arroganza del Nord di non riconoscere i propri errori (e pretendere persino più vaccini)”

Il commento di Mario Ajello sul Messaggero dopo il caso Moratti e le dichiarazioni su vaccini anti-Covid e Pil

Di Redazione TPI
Pubblicato il 20 Gen. 2021 alle 09:12 Aggiornato il 20 Gen. 2021 alle 09:13
534
Immagine di copertina
Letizia Moratti arriva alla conferenza stampa di presentazione dei nuovi membri della giunta in Regione Lombardia a Milano, 09 Gennaio 2021. Ansa/Matteo Corner

“La Lombardia ha avuto mezzo milione di contagiati diagnosticati (un cittadino su 20) e oltre 25mila morti (un terzo dell’intero Paese). Potrebbe pure smettere di dare lezioni a vanvera e di pretendere ciò che non merita”. A sostenerlo è il giornalista Mario Ajello in un articolo pubblicato ieri sul Messaggero.

Il commento si lega alla notizia riguardante la vicepresidente e neo assessore al Welfare della Regione Lombardia Letizia Moratti e la sua richiesta al commissario per l’emergenza Domenico Arcuri di distribuire il vaccino tra le Regioni italiane anche in base al Pil.

“Una Regione il cui indice di pericolosità mal gestito (…) è diventato purtroppo proverbiale anche agli occhi del resto d’Europa – gettando nel discredito internazionale l’intera Italia – pretende insomma di essere premiata in campo vaccinale e questo davvero suona come una provocazione”, scrive Ajello.

“Il Nord che non ammette la sua sciagurata prova di inettitudine e vuole accaparrarsi più dosi di siero anti-Covid degli altri”, prosegue, “è figlio di quella visione anti-italiana di una separatezza in mancanza di virtù, di un menefreghismo particolaristico che fa a pugni con l’esigenza di procedere uniti, perché senza unità l’Italia torna ad essere un’ ‘espressione geografica’ come voleva Metternich (che comunque non era Gallera o quelli come lui) e come pretenderebbe lo sguardo corto leghista o para-leghista o regionalista nel senso peggiore della parola”.

Ieri Letizia Moratti è intervenuta per spiegare le sue intenzioni. “Non ho mai pensato di declinare vaccini e reddito”, ha detto nell’aula del Consiglio regionale. “Il Pil è un indicatore economico-finanziario che attesta l’attività in una Regione, che, questo sì, ho detto, è il motore dell’Italia. In questo senso questa Regione ha la necessità di essere tenuta in considerazione, non parlo di piano vaccini ma di zona rossa”. Ma le polemiche contro di lei non si sono placate.

“La Lombardia ha preso tutto in questi decenni”, scrive ancora Ajello, riferendosi a “energie creative, lavoro, trasferimenti di fondi dallo Stato centrale”. Ma “non basta una puntura a risolvere tutto”, sostiene. “Serve non essere stati quello che la Lombardia è stata finora e non vuole smettere di essere. Una palla al piede che si vive come un’eccellenza che non è”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Leggi anche: 1. Vaccini Covid, Moratti al commissario Arcuri: “La ripartizione anche in base al Pil della Regione”/2. Dopo Gallera arriva la Moratti: “Distribuite i vaccini in base al Pil” (di L. Zacchetti) /3. Forum per il Diritto alla Salute contro Letizia Moratti: “Non sa nulla di Sanità, la Lombardia è in alto mare” /4. Sara Cunial fa propaganda No Vax alla Camera per attaccare Conte. E la Lega la applaude (di G. Cavalli)

534
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.