Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Washington Dis(con)sensus

Immagine di copertina

L'editoriale del direttore di TPI Giulio Gambino sul settimo numero del nostro nuovo settimanale

Se c’è qualcosa che questi due anni di pandemia ci hanno insegnato è la necessità di tornare a dare importanza al tempo, e non solamente a rincorrere la vita, perseguendo un modello che alla fine ci ha reso più fragili. Da qui nasce l’idea di questo settimanale, in grado – almeno nel fine settimana – di fermare il tempo per riappropriarci di uno spazio che abbiamo a lungo perduto e che è invece il sale della democrazia. Le parole del premio Pulitzer Lawrence Wright, che abbiamo intervistato in esclusiva questa settimana, ci dicono che le città hanno perso la loro centralità, che la famiglia tornerà a essere protagonista visto che abbiamo compreso l’importanza di chi ci è più vicino, e che il lavoro sta assumendo una dimensione completamente diversa, come tra l’altro conferma anche Domenico De Masi in un suo commento pubblicato a p. 24.

Abbiamo spesso sentito dire che questo virus ci avrebbe reso migliori, ma in realtà ne siamo usciti a pezzi e profondamente divisi, polarizzati, arrabbiati. In cerca di un riscatto sociale. La rabbia che si è scatenata nelle piazze italiane, da Roma a Milano passando per Trieste, una sorta di populismo 3.0, ne è il risultato più chiaro. Ma quelle persone – ed è questo che molti ignorano o che volutamente omettono — non sono tutte quante No Vax, No Pass, No Mask, negazionisti, fascisti, ed estremisti. Non aderiscono necessariamente a ogni principio del movimento anti-vaccino, ma sono una comunità in cerca di rappresentanza, e per questo sono pronte a tutto (vedi Freccero e Revelli da p. 62). Il che non vuol dire naturalmente che vadano giustificati. Ma non capire questo fenomeno equivale a non comprendere quello che sta accadendo nella nostra società. È l’inizio di una nuova era, che chiude questi ultimi vent’anni iniziati nel 2001 con i fatti di Genova e le Torri Gemelle, e terminati simbolicamente con il Covid scaturito dagli eccessi e dagli egoismi dell’uomo a danno dell’ambiente che ci circonda. Scandito da una globalizzazione feroce e da un iper-consumismo nel nome della velocità e della tecnologia.

Oggi l’America è più piccola, ma non per questo battuta. L’idea che gli Usa siano tramontati è semplicemente una balla. Sono ancora oggi la più importante potenza economica, militare e tecnologica. Il mondo bipolare a cui siamo stati abituati per decenni oggi non esiste più e prende sempre più piede un sistema multipolare e difforme. Il mondo è un gran caos, e anarchica è la dinamica con cui le cose accadono. Nel nome del “realismo” di Vladimir & Co. In crisi è anche il modello di democrazia che l’occidente ha esportato per anni. Oggi comprende che non può più farlo, e chi può se ne disfa agevolmente (Covid docet).

A Kabul – dice Wright – “non avevamo speranza, e nessuna nazione dovrebbe avere il diritto” di imporsi in paesi che non sono i loro. Giusto. E per questo Biden ha fatto bene a ritirare le truppe.Col virus poi ci siamo anche “giocati”, forse per sempre, le organizzazioni sovranazionali (Oms su tutti): neutre per definizione senza di fatto fungere a nulla, salvo a tenere in piedi il Washington Consensus. Utile solo agli Usa. Ma ecco il nuovo mondo che arriva. Nel primo giorno post-pandemia.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Opinioni / “Caro Draghi, ho due case e guadagno bene: mi spiega perché deve abbassare a me le tasse e non ai più poveri?”
Opinioni / Dopo il ddl Zan, la nuova maggioranza Italia Viva-centrodestra affossa anche la legge anti-lobby
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia