Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Una startup afghana aiuta a risolvere la crisi umanitaria (di W. Samadi)

Immagine di copertina

Aseel è unapplicazione per pc e smartphone inizialmente sviluppata per sostenere gli artigiani afghani, soprattutto nelle zone rurali, e agevolare gli scambi con i mercati internazionali. Dopo la conquista del Paese da parte dei talebani, Aseel ha perso la maggior parte delle sue filiere. Ora cerca di far arrivare i propri prodotti oltre il confine, in Pakistan, per poi spedirli in tutto il mondo. «Attualmente i tempi di consegna sono molto lunghi ma ai nostri clienti va bene così perché vogliono aiutare e sostenere lAfghanistan», spiega linventore dellapp, Nasrat Khalid.

Ormai affermata, la piattaforma ha deciso di intensificare gli sforzi e di dare una mano durante la crisi umanitaria che affligge lAfghanistan. Sul suo sito ha inaugurato la sezione Risposte allemergenza” per raccogliere le donazioni dei clienti. «La nostra squadra ha effettuato una serie di consegne agli sfollati interni e alle famiglie bisognose di Kabul, Kandahar, Logar, Ghazni e Kunar e presto ne farà altre a Helmand, Zabul, Mazar-i-Sharif e Herat», aggiunge Khalid. «Sosteniamo dalle 5 alle 10 famiglie ogni giorno e in 3 mesi e mezzo abbiamo aiutato più di 21mila persone in varie province».

Ad Aseel lavora una squadra di oltre 300 volontari sparsi in quasi tutto il Paese, che aiutano a distribuire i Pacchetti demergenza”. «La piattaforma consente alle persone di acquistare i pacchetti di aiuti necessari e poi la nostra squadra sul campo li consegna alle famiglie in difficoltà. I pacchetti di aiuti sono stati progettati sulla base delle nostre ricerche e dei bisogni delle persone. La piattaforma consente anche di fare donazioni in denaro e permette ad Aseel di scegliere quali pacchetti acquistare per le famiglie bisognose», osserva Khalid. Con la piattaforma si possono sostenere anche specifiche famiglie afghane tramite i Moduli beneficiari”.

«È lopzione migliore per coloro che hanno ancora parenti residenti in Afghanistan», rimarca il fondatore dellazienda. «Il donatore compila un modulo beneficiario su Aseel, riceve un numero identificativo e infine dona un pacchetto di aiuti. Lidentificativo è utile sia ai donatori che ai beneficiari per seguire la consegna dei pacchetti».

La squadra di Aseel non ha avuto alcun problema con i talebani. «Aseel può operare in Afghanistan sotto qualsiasi regime. Non siamo mai stati sostenuti da alcun governo o istituzione internazionale. Siamo unazienda afghana, nata in Afghanistan, che ha cercato di diventare unimpresa globale e tutto ciò ci permette di trattare con i talebani molto meglio di altri. Capiamo i meccanismi della crescita e dello sviluppo dal punto di vista di una startup e questo è un grande vantaggio per la situazione attuale».
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)
Opinioni / Ecco perché la classe operaia vota il partito che l’ha distrutta (di A. Stille)
Opinioni / Il martirio di un transessuale (di V. Magrelli)
Opinioni / Berlusconi certo della sua elezione a presidente: il Cavaliere sta già lavorando al restyling del Quirinale