Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

La sinistra vince se fa scelte radicali (di G. Gambino)

Immagine di copertina
Credit: ANSA/FABIO CIMAGLIA

La destra conta sulla forza brutale delle sue battaglie identitarie. La sinistra, invece, prevale solo quando suscita grandi passioni ideali

È stata la settimana delle liste, delle polemiche, dei grandi esclusi. Ma voglio provare a suggerirvi quattro chiavi di lettura di questo voto lontane dall’agenda apparente della politica.

1) La “Cosa Dem”. Per due anni la sinistra si è affidata a Giuseppe Conte. Il Pd aveva addirittura pubblicato un meme che recitava così: «Conte è il nostro candidato alla presidenza del Consiglio». Negli ultimi diciotto mesi – tuttavia – con l’arrivo di Letta i dem hanno fatto la stessa cosa con l’investitura di Draghi. Il fatto incredibile, se ci pensate, è che alla fine il Pd si presenta alle elezioni senza sostenere la candidatura di nessuno dei due. Ma c’è di peggio: questa composita “Cosa Dem” altro non è che un insieme di identità e interessi diversi, spesso confliggenti tra loro, che non trovano mai una vera sintesi: oltre le narrazioni di comodo, spesso i dirigenti sembrano legati da vincoli di mera utilità, quasi sempre accomunati da un imperativo: mantenere il potere.

2) Comitato Affari Privati. Ciò che oggi guida Matteo Renzi e Carlo Calenda nel loro tentativo di dare vita al cosiddetto “terzo polo” (in ogni sondaggio, per ora, è il quarto) è perseguire un’agenda – quella del premier Mario Draghi – che hanno fatto propria. Ma il bello è che, quando governavano loro, hanno fatto tutt’altro. Renzi è l’uomo del Jobs Act e propone un referendum contro il reddito di cittadinanza (che è stato rifinanziato dal governo Draghi). Mentre Calenda criticava la formazione dell’esecutivo dei Migliori, perché partecipato anche dagli «scappati di casa dei Cinque stelle nella sua maggioranza». Entrambi oggi dicono: «Non votate con la pancia, siate razionali, date un futuro al Paese!». Per gli uomini del Polo centrista, infatti, solo il loro voto è razionale e utile. Eppure non si ricordano grandi battaglie ideali del duo Renzi-Calenda, ad eccezione delle loro campagne filo-confindustriali, dal nucleare alle trivelle, passando (nel caso dell’ex premier) per i sauditi. Per carità, tutto legittimo, ma pur sempre di interessi si tratta.

3) Anche la destra in realtà sarebbe lacerata e divisa al suo interno. Su Europa, Atlantismo, lavoro, politiche sociali e liberismo (basta pensare alle differenze politiche tra la Meloni e Tajani, o alla rivalità personale tra la Meloni e Salvini). Ma la destra mette sempre da parte ogni dissidio in nome dell’utilità marginale e l’imperativo della vittoria. Grazie a queste accortezze – e alle divisioni altrui – il centrodestra rischia di ottenere una maggioranza blindata senza nemmeno bisogno del ventilato soccorso centrista di Calenda e Renzi.

4) Ciò che più di tutto fa riflettere è l’incapacità, da parte dei dirigenti della sinistra, di comprendere che riesce a vincere solo quando si presenta con un programma forte e radicale: Tsipras in Grecia, Zapatero in Spagna, Costa in Portogallo, Lula in Brasile, come già osservato da Gigi Riva. La destra conta sulla forza brutale delle sue battaglie identitarie. La sinistra, invece, prevale solo quando suscita grandi passioni ideali. La destra – per dire – batte su flat tax e immigrazione. La sinistra moderata tende a rifugiarsi nell’importante battaglia per i diritti civili, trascurando tuttavia quelli sociali che sono stati il sale della sua storia.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini