Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Quel silenzio feroce di Lamorgese sugli scontri di Torino tra polizia e studenti

Immagine di copertina
Ansa

Nel silenzio complice di una politica tutta presa dalle elezioni per il Colle, giovedì 28 gennaio si è consumato l’ormai tristemente noto scontro tra le forze di polizia e i giovani studenti che manifestavano per la morte di Lorenzo, il 18enne deceduto al suo ultimo giorno di alternanza scuola-lavoro.

Da quegli scontri c’è ancora chi ne sta pagando le conseguenze. Come riporta Selvaggia Lucarelli su Domani, un ragazzo poco più che maggiorenne è ancora ricoverato in ospedale a Torino, per via di un’emorragia cerebrale che non si è ancora riassorbita. Ma non solo, dagli scontri precedenti, una sedicenne di Milano è costretta a siringhe di anti-dolorifico per gli ematomi alle gambe. Una 14enne ha sei punti in testa per via di una manganellata ricevuta a Roma. E tornando a Torino, una 18enne ha un’anca rotta.

Abbiamo aspettato le contrattazioni al vetriolo, le votazioni per il Quirinale e gli accordi di Governo, eppure, di questi scontri, delle manganellate ai minorenni, delle ragioni della polizia e dei fatti, i fatti, la ministra degli Interni Luciana Lamorgese ancora non si è interessata. O almeno, a tutti ha lasciato un grande silenzio.

Nei giorni scorsi, in verità, già qualche esponente del Pd ha sottolineato la gravità dell’accaduto. Matteo Orfini, cinguettava su twitter: «A Roma gli studenti che manifestavano dopo la morte di Lorenzo Parelli sono stati caricati dalla polizia e presi a manganellate senza ragione. Nella stessa città fu consentito ai fascisti di Forza Nuova di assaltare la sede della Cgil. Ministra Lamorgese, le pare normale?».

Un’interrogazione parlamentare al governo e alla ministra Luciana Lamorgese per dare «spiegazioni e scuse» agli studenti scesi in piazza e a tutti i cittadini è stata depositata ieri, 31 gennaio, da Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra italiana.

Dalla Questura di Roma dicono a Open che i manifestanti avrebbero «lanciato petardi sulle forze dell’ordine e che quindi è stato necessario intervenire», ma al momento le autorità non rilasciano dichiarazioni ufficiali. «La Ministra dell’interno si attivi per raccogliere ogni elemento e informazione utile a comprendere se nelle manifestazioni studentesche degli ultimi giorni vi sia stata una reazione sproporzionata ed eccessiva nei confronti degli studenti e delle studentesse e conseguentemente, ad individuare, i responsabili ad ogni livello della catena di comando», si legge nel testo.

In un Paese civile e non accecato da meri scopi di potere, una situazione del genere sarebbe al centro del dibattito politico e dell’opinione pubblica. In un Paese civile, la ministra degli Interni avrebbe prontamente garantito ai cittadini piena luce su fatti che se confermati sarebbero a dir poco scandalosi. Senza aggiungere, che molti video parlano da sé.

Di colpi ne sono già stati battuti parecchi, ministra Lamorgese, se c’è, batta il suo.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)