Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Un anno in edicola di The Post Internazionale: grazie a voi lettori (di G. Gambino)

Immagine di copertina

Cinquanta numeri e un grande grazie a tutti voi. Un anno fa esatto usciva per la prima volta in edicola in tutta Italia il nostro The Post Internazionale, una rivista settimanale che avete imparato a conoscere e riconoscere. In questi 12 mesi vi abbiamo raccontato le nefandezze della politica, gli intrighi di Palazzo, le storie rimaste sotto traccia in Italia e all’estero. Con un occhio di riguardo alle inchieste e ad alcuni temi che hanno lasciato il segno: dai monopoli digitali delle big tech all’introspezione esistenziale in una generazione (la nostra) diseredata e lasciata da sola, fino ai Renzi papers, le verità negate sul Covid, il cimitero dei feti nelle Marche, i precari della cultura e gli schiavi stagionali, gli scoop su Falcone e Moro, la rete di potere di Giorgia Meloni e tanto altro ancora (abbiamo raccolto il meglio di TPI in uno speciale che trovate nelle pagine che seguono).

Sulla guerra in Ucraina abbiamo auspicato un ruolo centrale dell’Europa, a difesa e tutela dei suoi primari interessi, anziché il seguire pedissequamente la linea degli americani. Il conformismo della stampa è tale che chi oggi muove una critica anti-americana è considerato sovversivo, pericoloso, persino filo-russo (!).

Anche chi da sempre ha fatto dell’ottenimento della pace la propria missione è stato colpito da questa sindrome bipolare e schizofrenica accentuata dal radicalismo estremo di una stampa che ha deciso di indossare l’elmetto e di una ristretta cerchia d’élite che vorrebbe abolire il suffragio universale, che fa gli interessi delle grandi lobby (quella delle armi compresa) e che persegue il mito della finanza globale come predominante sulla politica.

Se in questo anno siamo riusciti ad andare avanti è perché il nostro giornale dipende solo da voi. Che ci avete sostenuto, incoraggiato, spronato a fare il nostro dovere: porre domande, entrare nel merito, approfondire e raccontare la verità. Sempre.

Nonostante il caro energia e una guerra che ha catapultato il mondo nell’incertezza e nella paura, abbiamo fatto fronte come possibile ai costi in costante aumento (and counting), tra cui ad esempio quelli relativi alla carta. Ma non abbiamo mai ceduto. E finché potremo continueremo a non cedere mai.

Di più: abbiamo ritenuto che il patto inviolabile con voi lettori non dovesse essere messo in discussione, in nessun caso, per nessun motivo.

Sono stati mesi difficili per il giornalismo: anestetizzati da un governo celebrato ed esaltato per il sol nome del suo capo (ma questa non dovrebbe mai essere una condizione sufficiente perché si smetta di chiedere conto a chi detiene il potere), la stampa non è forse mai stata così addomesticata.

Ma senza la sua funzione di cane da guardia, un giornale ha poco senso di esistere, fungerebbe solo da cassa di risonanza. Ed è per questo che con coraggio abbiamo deciso di non porci alcun limite, spesso e volentieri rimettendoci anche ingenti entrate pubblicitarie, rinunciando a venire a patti con taluni inserzionisti che hanno rifiutato di investire sul nostro giornale per le verità (forse scomode) che abbiamo scritto sul loro conto. Svelando e raccontando fatti che diversamente non sarebbero stati raccontati da nessuno. Abbozzando il colpo anche quando tutto ciò si è tradotto in querele temerarie contro il nostro legittimo e nobile intento.

Nel bene o nel male, sopra ogni altra cosa possiamo dirci certi che, un anno dopo l’inizio di questa avventura, questo è il giornale che avremmo sempre voluto avere tra le mani. Non esisteva. Oggi, fortunatamente, c’è. Grazie ancora una volta a tutti voi.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)
Opinioni / La lezione del centrodestra a Pd e M5S: per vincere bisogna anche saper costruire un’alleanza (di S. Mentana)
Opinioni / Il Pd perde perché privo di identità: è arrivato il momento di porre fine a un esperimento mai riuscito (di R. Bertoni)
Opinioni / L’esclusione di Conte ha indebolito il centrosinistra e agevolato la Meloni: così il Pd ha deciso di suicidarsi (di L. Telese)
Opinioni / I nostri ragazzi umiliati e sfruttati fino alla morte (di R. Gianola)
Opinioni / L’effetto Rdc sulle elezioni: così Conte ha spiazzato Letta e Di Maio (di L. Telese)
Opinioni / Contro il Rdc c’è una campagna denigratoria che manipola la realtà (di D. De Masi)
Opinioni / Essere poveri non è una colpa (di Giulio Gambino)