Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Lo sciopero generale relegato in un trafiletto: ecco a voi i giornali che non danno notizie, le seppelliscono

Immagine di copertina

Non avevo letto da nessuna parte che oggi scioperassero anche i quotidiani. Deve essere una forma di solidarietà il fatto che su Repubblica di oggi non compaia nemmeno una riga, una che sia una, sullo sciopero generale a Roma a Piazza del Popolo con Maurizio Landini e Pier Paolo Bombardieri, e sulle iniziative interregionali previste a Bari, Cagliari, Milano e Palermo.

Il Corriere della Sera invece ha optato per uno sciopero dolce e ha deciso di informare i suoi lettori con un trafiletto a pagina 16, dando per scontato che esistano almeno 15 pagine di notizia con priorità maggiore dello sciopero di oggi. Complimenti a loro: in questi giorni di carestia di notizia evidentemente sono oberati dalla realtà.

Lasciamo perdere i giornali liberali e addirittura confindustriali. Quelli di non parlare di sciopero (o addirittura di scriverne solo per demonizzarlo) ce l’hanno stampato nel mandato editoriale ma che i due quotidiani nazionali che si autodefiniscono “progressisti” abbiano deliberatamente deciso di bucare la notizia di oggi rende perfettamente l’idea dell’epoca difficile in cui stiamo, qui dove è ritenuto anacronistico e inelegante parlare di lavoratori e di povertà, immersi in un borghesissimo “nascondere per non farci i conti” degno dei salotti più scollegati dalla realtà.

Del resto i segnali c’erano tutti, questo sciopero ha rimesso in moto vecchi meccanismi che si sono ripetuti sfacciatamente senza avere nemmeno il timore di essere riconosciuti come abusi: ripetere che per uno sciopero “non è questo il momento” come avviene regolarmente in ogni sciopero di ogni periodo storico, lamentarsi per i disagi di qualche ora per non dovere aprire una discussione sul futuro (che è esattamente quello che tenta di fare uno sciopero) e lamentare la mancanza di “capacità di contrattazione dei sindacati nelle sedi opportune” dimenticando che lo sciopero è una sede opportuna sancita dalla Costituzione.

Sempre i soliti tic di un’Italia padronale che sogna di seppellire quanto prima le parole e i modi che furono dei lavoratori per pretendere i propri diritti aspirando a una pacificazione che per loro è l’accettazione permanente di un’oppressione.

Non che non ci siano riusciti, anzi: se ti permetti di scrivere che la lotta di classe sia utile oggi ti saltano al collo intravedendo brigatisti dappertutto. Dichiarare “vecchia” una rivendicazione è il modo migliore (benché stupido, ma forse funziona proprio perché è stupido) per smontare una rivendicazione. Ma se i lavoratori del 2021 li volete chiamare con qualsiasi modernissimo nome continueranno ad avere i soliti vecchi problemi: salari che non crescono mentre tutto intorno è una fanfara di “ripartenza” e di “crescita”, una distribuzione non equa dei soldi dello Stato e dell’Europa, un’impunità delle aziende in piratesche delocalizzazioni.

Su Il Messaggero e su Il Mattino la notizia dello sciopero è data in taglio basso, poche righe, a pagina 9. Titolo: “Disagi in vista”. Ma il vero disagio, qui, è in un pezzo dell’informazione che fa da cameriera alla politica per ottundere le notizie invece di darle. Giornali che non danno notizie, le seppelliscono.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente