Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Sanremo 2022, le pagelle degli abiti della prima serata del Festival

Immagine di copertina

Sanremo 2022, le pagelle degli abiti della prima serata del Festival

SANREMO 2022 PAGELLE ABITI – Sembra sia successo ieri: la vittoria dei Maneskin sul palco dell’Ariston, vestiti con sexy tutine attillate vedo-non vedo, è immortalata nella mente di ciascuno di noi. Nel bene e nel male. Invece, eccoci qua: pronti a scrivere i commenti modaioli della nuova edizione del “Festival” più famoso e atteso (oltreché costoso) d’Italia. Non è ancora iniziata la kermesse musicale di Sanremo e già gira per i corridoi del dietro le quinte del teatro qualche indiscrezione succulenta. Secondo rumors, proprio in queste ore, c’è in atto una vera e propria guerra tra stylist. Tra i creatori dei look di due talenti in gara non sta scorrendo proprio buon sangue. E si sa: la vendetta è un piatto da servire freddo, entro e non oltre domenica all’alba. Ci aspetteremo grandi cose sul palco dell’Ariston, quindi. Seguire (e leggere le nostre pagelle) per credere. Nel frattempo vi promettiamo commenti e voti di manica stretta, perché a Sanremo si canta, si ride, si vota, si pubblicizza la qualunque… ma non si scherza sui look.

AMADEUS
Il presentatore ha scelto ancora il brand Gai Mattiolo per lo smoking di apertura. Per il terzo anno consecutivo, il marchio Made In Italy è protagonista indiscusso sul palco dell’Ariston. Ed è subito luccichii e lustrini. VOTO: 7

ACHILLE LAURO
Il look è ridotto all’osso. O meglio è ridotto a un pantalone di pelle firmato Gucci. Spoiler: non sarà l’unico talent a petto nudo sul palco 😉 VOTO: 7 e mezzo, ma si aspetta un climax di stile.

abito achille lauro sanremo 2022

ORNELLA MUTI
L’abito tutto luccicante le sta molto bene. Sensuale, elegante, raffinato. La montatura degli occhiali, invece, non c’entra molto col resto. VOTO: 8, ottimo inizio!

YUMAN
Look oversize, total black, moderno. Ottimo fit. La musica parla, l’abito completa l’armonia. Molto bene. VOTO: 8 e mezzo

NOEMI
Incanto. Nient’altro da aggiungere. L’abito, perfetto su di lei, è stato creato ad hoc per Alberta Ferretti. Anche la nuance è perfetta. VOTO: 9

GIANNI MORANDI
Giorgio Armani ha realizzato per lui lo smoking dalla fantasia 70’s. Revers a scialle in velluto e papillon in coordinato. A completare il look, l’energia del cantante. VOTO 7

FIORELLO
Anche qui c’è lo zampino di Re Giorgio. Non comprendo la scelta della camicia luccicante e trasparente. Ma l’abito ha un fit perfetto, very Giorgio Armani. VOTO 6+

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA
Nel testo della canzone cita “regina” e indossa una corona da regina. Look troppo scontato. Tutti e due gli outfit sono firmati Moschino, manca però l’ironia. VOTO: 5, rimandati!

MICHELE BRAVI
La celebrazione della diversity in tutte le sue sfaccettature. Musica inclusa. Finalmente! VOTO: 8 e mezzo

MANESKIN
Gucci li ha praticamente adottati. I look sono total black con quella sana dose fetish-chic che piace sempre a tutti. Anche a chi dice no. VOTO: 8. E rock sia!

MASSIMO RANIERI
Si punta al minimalismo: smoking e camicia neri. Con un bottone dorato. Elegante. VOTO: 7

MAHMOOD
Look sofisticato e non per tutti firmato Prada. Portato splendidamente. Con bijoux da paura. VOTO: 9

BLANCO
Delicato e timido. Con top trasparente e cappa che nasconde, ma neanche troppo. Tutto firmato Valentino. VOTO: 9

MATTEO BERRETTINI
Elegante, bello, bel sorriso. Il fit è perfetto, come una seconda pelle. Nulla da dire. VOTO: 9, promosso a pieni voti!

ORNELLA MUTI (secondo look)
Spacco da urlo per un abito sinuoso e cucito addosso. Sempre meglio. VOTO: 8 e mezzo

ANA MENA
Look color ciliegia firmato Emporio Armani. Stivali cuissard. Divertente. VOTO: 6 e mezzo

RKOMI
Quest’anno, all’Ariston, la pelle va per la maggiore. Rock e rock, senza se e senza ma. Il look è firmato Etro. Cattivissimo. VOTO: 8

MANESKIN (secondo look)
Anche qui, Guccissimi. Con quell’attitude anni Settanta tanto cara alla maison. Con un tocco floreale. VOTO: 8 e mezzo

DARGEN D’AMICO
Ho sempre amato gli uomini vestiti di rosa. Look firmato Alessandro Vigilante creato ad hoc, occhiali RetroSuperFuture e sneakers Giuseppe Zanotti. VOTO: 7 e mezzo

COLAPESCE E DIMARTINO
Un po’ marinai, un po’ gemelle di Shining. L’abito è ben realizzato, ma il matchy-matchy… VOTO: 5

CLAUDIO GIOÈ
Il look è un po’ antico. Vada per lo smoking, ma l’ispirazione è un po’ troppo retrò. Serve un po’ di ritmo. VOTO: 5 e mezzo

GIUSY FERRERI
L’abito sexy è firmato Philipp Plein e si sposa perfettamente con la personalità della cantante. VOTO: 7 e mezzo

MEDUZA
Anche qui c’è Moschino, ma in versione cool. I look mixano eleganza sartoriale con tocchi fetish di latex e pelle. Irresistibili. VOTO: 8

FIORELLO (secondo look)
La giacca dello smoking è un mix tra Las Vegas anni 80 e i pixel in vista di una foto in bassa risoluzione. Per fortuna è quasi l’una. VOTO: 5

QUI TUTTE LE NOTIZIE SUL FESTIVAL DI SANREMO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’ipocrisia degli Usa: il diritto ad avere armi è sacro, quello di abortire no
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’ipocrisia degli Usa: il diritto ad avere armi è sacro, quello di abortire no
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra