Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Papeete 2 la vendetta: Salvini contro il suo stesso Governo. Ma ormai nella Lega nessuno lo capisce più

Immagine di copertina
Credit: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

È il solito Salvini, solo che non funziona più. L’uomo che fingeva contemporaneamente di essere di lotta e di governo, quello che già nel primo governo Conte faceva il ministro agli Interni e intanto picconava l’esecutivo di cui faceva parte ora riprende la stessa solfa con Mario Draghi prendendosi già una mezza porta in faccia e innervosendo non poco i suoi ministri.

Cerca di tenere in bilico le sue troppe facce, telefona a Draghi per ribadirgli fiducia ma poi ordina ai suoi ministri (piuttosto stanchi di stare al guinzaglio, come dicono anche le voci dentro al partito) di non votare le stesse decisioni che erano state prese in cabina di regia.

Solo che Draghi non casca nel trabocchetto e anzi bacchetta il leader della Lega. “Gli accordi si rispettano”, ha detto il Presidente del Consiglio, come se non fosse chiaro proprio dalla biografia di Salvini che la sua carriera politica sia tutta incentrata proprio sulle giravolte. 

Lui continua con la sua solita cantilena riscaldata, parla di “buonsenso” e finge di occuparsi davvero dei temi quando è solo piegato sulla sua visibilità e sul suo bacino di voti.

Ma intanto crolla.

Crolla nei sondaggi: l’ultimo rilevamento segna la perdita di quasi un punto percentuale (0,8% solo nell’ultima settimana) mentre Giorgia Meloni ha gioco facile nell’accogliere in Fratelli d’Italia la fetta di voti di quell’ala “dura” contraria alla strategia della precauzione e delle chiusure.

Salvini crolla nella credibilità all’interno del suo stesso partito: ieri i ministri Giorgetti e Garavaglia non hanno proferito parola durante il Consiglio dei ministri, niente di più del mettere a verbale la propria astensione con molto imbarazzo. I presidenti di regione leghisti faticano a contenere il malcontento e non si sentono appoggiati dal loro segretario. Nella Lega, Salvini non piace all’ala governativa (che lo accusa di scorrettezza istituzionale) e nemmeno all’ala più estrema che lo accusa di non avere il coraggio di uscire dal governo.

Salvini crolla con i suoi elettori che ormai lo accusano apertamente di un doppio gioco che è sotto gli occhi di tutti: l’hanno mollato prima i ristoratori e poi le altre categorie in difficoltà.

Salvini crolla nel centrodestra con Giorgia Meloni in forte ascesa e Forza Italia che non ne sopporta più le bizze.

E se ci pensate bene riesce ancora una volta a inquinare un dibattito (come quello sull’orario di coprifuoco) che meriterebbe invece di essere affrontato con serietà.

È il confusionario Salvini del Papeete, anche se le spiagge sono ancora chiuse.

Leggi anche: Salvini contro i vaccini ai detenuti in Campania e Lazio, ma dimentica che va così anche nelle Regioni leghiste

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Una visione altruista e non più egoista della vita: solo così ci salveremo dall’estinzione (di G. Gambino)
Economia / Falso in bilancio, pizzini, aggiotaggio: il caso Juve scuote (ancora) il modello Elkann
Economia / Dalla Ferrari alla Juventus passando per i giornali: il declino degli Agnelli
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Una visione altruista e non più egoista della vita: solo così ci salveremo dall’estinzione (di G. Gambino)
Economia / Falso in bilancio, pizzini, aggiotaggio: il caso Juve scuote (ancora) il modello Elkann
Economia / Dalla Ferrari alla Juventus passando per i giornali: il declino degli Agnelli
Opinioni / Caro-energia: perché decabornizzare è meglio di diversificare (di L. de Santoli)
Opinioni / Con questa classe dirigente il Pd non ha futuro (di L. Pacini)
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Opinioni / Criminalizza gli studenti e disprezza i poveri: il primo a essere rimandato dovrebbe essere il ministro Valditara (di L. Telese)
Opinioni / Bollette, Buste paga e Benzina: ecco le 3 B dalle quali deve ripartire la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / I vecchi elenchi non sono carta straccia, raccontano come erano le nostre città (di S. Mentana)
Opinioni / Ma voi ve la ricordate, Letizia Moratti? (di L. Telese)