Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:32
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Ma quale dipendenza dai social, basta capirne i confini e darsi delle regole

Immagine di copertina

Il down di Facebook, Instagram e Whatsapp che in questi giorni ha paralizzato per poche ore le comunicazioni di mezzo mondo deve portarci a riconsiderare la nostra vita sui social. Ma la soluzione non è spegnere lo smartphone. L'opinione dell'influencer Carlotta Vagnoli sul quarto numero del settimanale The Post Internazionale - TPI, in edicola dall'8 ottobre

Ad agosto, nel mio paese maremmano, il ripetitore locale ha subito un guasto durato 48 ore, così unintera comunità è rimasta isolata due giorni dai progressi tecnologici contemporanei. Non andavano neanche le telefonate verso i cellulari: sembravano i primissimi anni Novanta.

È stato un esperimento su piccola scala di quelle che sarebbero poi state le ore in cui Facebook si è trovata con i server impazziti, impedendo a milioni di persone di accedere ai social del gruppo e allapp di messaggistica più famosa del mondo.

La reazione generale a questo crash è stata un misto tra panico e stupore. Non è questo ahimè un discorso nuovo, la mia generazione è stata la prima a porsi il problema della tossicità dei social perché siamo stati proprio noi millennials a crearli.

Le generazioni più lontane (X e Boomers) demonizzano spesso i mezzi digitali: da un lato perché non li comprendono appieno, dallaltro perché si rendono conto che il dibattito sociale e lavorativo ha cambiato completamente struttura da quella che era loro familiare. 

Lapproccio più sveglio lo ha, come su tantissimi altri aspetti, proprio la GenZ, che è nata nellera digitale e sa esattamente approcciare questo mezzo. La cura alla dipendenza dal digitale” però non può essere demandata ai singoli. Dovremmo piuttosto ripensare a promuovere uneducazione al digitale, che possa avvicinarci al mezzo senza ansia e con consapevolezza (e rispetto), che ci faccia capire i confini di un mondo che sembra non averne…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il dramma nascosto dietro la storia della madre accusata di aver ucciso il suo neonato su una nave da crociera
Cronaca / Alessia Pifferi è davvero l’unica colpevole della morte della figlia? (di F. Bubba)
Opinioni / Metterci a dieta è la miglior cosa che possiamo fare per noi e per l’ambiente
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il dramma nascosto dietro la storia della madre accusata di aver ucciso il suo neonato su una nave da crociera
Cronaca / Alessia Pifferi è davvero l’unica colpevole della morte della figlia? (di F. Bubba)
Opinioni / Metterci a dieta è la miglior cosa che possiamo fare per noi e per l’ambiente
Opinioni / Quegli animali imprigionati nelle fabbriche della morte
Esteri / La mucca cinese di Xi Jinping attira consensi in Europa
Opinioni / Caro Marco Tarquinio, ci vorrebbe più rispetto per i valori fondamentali del PD
Opinioni / Israele e la guerra di Gaza. Fermare il massacro
Esteri / Tra Netanyahu e Biden ne resterà soltanto uno: ecco perché “Bibi” disobbedisce a Joe
Esteri / Il doppio standard è un male anche per Israele
Opinioni / I censuRAI dello Stato