Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Alla prossima emergenza si rischia la rivolta (di M. Ainis)

Immagine di copertina

"Ormai ci siamo assuefatti alle notizie sul Covid e la guerra, retrocesse persino dai telegiornali. Ma come diceva Esopo, alla bonaccia segue sempre una tempesta"

Si respira un’aria immobile, stantia. Come in certe giornate senza vento, con una nuvolaglia che scherma l’orizzonte. E un sopore collettivo – uno stato d’inerzia e di apatia – sta invadendo gli italiani. La politica, al contrario, usa toni concitati, in questa breve vigilia elettorale. Ciascun leader di partito sgomita, si sgola, rimbecca gli avversari, detta elisir per guarire tutti i nostri mali. Noi, quaggiù, non gli prestiamo ascolto. O meglio: all’inizio forse sì, per curiosità se non per interesse. Ma alla seconda o terza replica cambiamo canale, d’altronde alle parole dei politici non crede più nessuno. E in che crediamo, invece? Difficile rispondere.

C’è stato un tempo in cui abbiamo creduto di doverci difendere da un virus letale, e lo abbiamo fatto tutti insieme, disciplinatamente, anche a costo d’accettare gli arresti domiciliari decisi dal governo. In quel tempo siamo stati un popolo, coeso, solidale, congiunto dal medesimo destino. E la mascherina obbligatoria ci inoculava un sentimento d’eguaglianza, celando in egual misura il faccione dei potenti e il viso smunto dei diseredati. Ma è durato poco, quanto la fiamma d’un cerino. Del resto la tensione etica è come quella erotica: non puoi protrarla a lungo, il corpo si ribella. Sicché adesso fingiamo che il virus non esista, anche se è sempre lì, in agguato, col suo bollettino quotidiano di decessi.

Succede lo stesso per la guerra, per il rombo di missili e cannoni in Ucraina. All’inizio ci procurava un senso di terrore: il rischio nucleare mai così vicino, un pezzo d’Europa in fiamme come non era più accaduto dopo Hitler, lo scontro fra superpotenze, i barbagli della terza guerra mondiale. Svanita anche quest’ultima paura, o comunque rimossa, allontanata. Le notizie dal fronte sono state retrocesse nei giornali e nei tg, tanto ormai non le segue nessuno, abbiamo altro a cui pensare. Al clima, forse? Alla siccità, al surriscaldamento del pianeta?

Dovrebbe essere l’emergenza più emergente, ma è un argomento tabù, espulso dalla campagna elettorale. E allora pensiamo ai fatti nostri, alle bollette da pagare, ai mutui in salita, al lavoro che trovi solo comprando un biglietto aereo per l’Australia. E magari speriamo che dei nostri guai s’occupi il governo, sennò che ci sta a fare? Ma il governo c’è e non c’è, in questo interregno fra due legislature. Ha poteri dimezzati, circoscritti all’ordinaria amministrazione, alla gestione quotidiana delle cose. Perché è dimissionario, d’altronde s’è dimesso pure il Parlamento. Però interviene nei casi d’urgenza, questo sì, può farlo. L’impressione è che Draghi faccia un po’ come gli pare.

Se non vuole, dice che non può; se vuole, ne dichiara l’urgenza. Quanto a noi, lo lasciamo fare – non per fiducia, bensì per spossamento. Insomma, c’è in circolo un senso di stanchezza, che ci impedisce anche d’affannarci sulle prossime elezioni. Perché dovremmo, se il vincitore è già annunciato? Sicché alle nostre latitudini regna la Gran bonaccia delle Antille, direbbe Calvino. Però, attenzione: alla bonaccia segue sempre una tempesta, diceva inoltre Esopo. La prossima non sarà un’emergenza sanitaria, né bellica, né finanziaria, né climatica. La prossima volta potrebbe sbatterci sul muso un’emergenza civile, un tumulto, una rivolta.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)
Opinioni / La lezione del centrodestra a Pd e M5S: per vincere bisogna anche saper costruire un’alleanza (di S. Mentana)
Opinioni / Il Pd perde perché privo di identità: è arrivato il momento di porre fine a un esperimento mai riuscito (di R. Bertoni)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)
Opinioni / La lezione del centrodestra a Pd e M5S: per vincere bisogna anche saper costruire un’alleanza (di S. Mentana)
Opinioni / Il Pd perde perché privo di identità: è arrivato il momento di porre fine a un esperimento mai riuscito (di R. Bertoni)
Opinioni / L’esclusione di Conte ha indebolito il centrosinistra e agevolato la Meloni: così il Pd ha deciso di suicidarsi (di L. Telese)
Opinioni / I nostri ragazzi umiliati e sfruttati fino alla morte (di R. Gianola)
Opinioni / L’effetto Rdc sulle elezioni: così Conte ha spiazzato Letta e Di Maio (di L. Telese)
Opinioni / Contro il Rdc c’è una campagna denigratoria che manipola la realtà (di D. De Masi)
Opinioni / Essere poveri non è una colpa (di Giulio Gambino)
Opinioni / Salario minimo, pensioni di garanzia, no agli stage gratuiti: il Pd vuole restituire dignità ai lavoratori (di N. Zingaretti)
Opinioni / La risalita di Conte nei sondaggi dimostra che il Pd doveva restare alleato del M5S (di L. Telese)