Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Per Salvini i “pieni poteri” di Orban sono legittimi. Che pena la destra italiana cagnolino dei dittatori

Immagine di copertina
Matteo Salvini e Viktor Orban

E alla fine Orban ce l’ha fatta. In Ungheria il Parlamento è diventato un luogo vuoto e senza nessun potere, la legge da oggi si esercita con metodi sommari e i pieni poteri sono un dato di fatto. In sostanza si tratta della prima dittatura certificata in Europa, in questa Europa sempre attenta ai bilanci e colpevolmente distratta quando si tratta di diritti e di democrazie. Eppure la condizione dello stato di diritto in Ungheria (e anche in Polonia) avrebbe dovuto essere messa sotto la lente di ingrandimento fin da quando Buxelles ha attivato l’articolo 7 del Trattato sul’Unione Europea, che dovrebbe determinare la perdita di fondi europei proprio di fronte alla caduta dello Stato di diritto.

Una regola chiara, precisa, netta, che non si presta a troppe interpretazioni e che era già passata dall’aula di Strasburgo lo scorso gennaio con ben 446 voti favorevoli, 178 contrari e 41 astenuti. Ma è stato un nulla di fatto, come spesso accade da quelle parti. In compenso Orban si è arrampicato sull’emergenza Coronavirus per stringere ancora di più le maglie del suo strapotere sullo Stato. Curiose e assolutamente prevedibili le reazioni qui in Italia: ci sono i soliti professoroni che giustamente temono che l’indebolimento del diritto sia un problema europeo e da affrontare con risolutezza e cura e ci sono quegli altri due, anche loro sempre i soliti, che esultano come due bambini felici.

Matteo Salvini soprattutto dimentica qualche decennio di storia e ci tiene a farci sapere che se un libero parlamento vota per l’attribuzione di pieni poteri a un governante allora è tutto normale, non c’è niente di cui preoccuparsi. Del resto si sa da sempre che la dittatura è il più veloce snellimento della burocrazia a cui affidarsi quando un popolo è debole. E esulta fingendo di dare un senso politico alla sua esultanza sull’onda dell’ubriacatura dei pieni potere ai tempi degli aperitivi in spiaggia.

Eppure è un giochetto frivolo, un trucco che viene facilissimo da smontare: se davvero Salvini è d’accordo sull’attribuzione dei pieni poteri in nome dell’emergenza perché ogni giorno, petulante e spesso anche ignorante, fa le pulci al presidente del Consiglio italiano che ha legittimamente una maggioranza parlamentare in un parlamento eletto? La risposta è semplice semplice: il mondo è pieno di loschi figuri che amano la dittatura solo immaginandosi dittatori. Vorrebbero essere dei politici invece sono solo dei bulletti noiosi e annoiati.

Leggi anche: 1. Il Papa prega nella piazza vuota, Salvini dalla D’Urso. La differenza tra fede e populismo religioso / 2. Salvini e Meloni rilanciano il video del TGR Leonardo del 2015: non hanno rispetto nemmeno dei morti 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente