Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

I nostri ragazzi umiliati e sfruttati fino alla morte (di R. Gianola)

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Mentre Bonomi ciancia di “umanesimo industriale”, l’alternanza scuola-lavoro fa un’altra vittima. Solo il Papa ha il coraggio di dire le cose come stanno

Che cosa deve ancora succedere? Quanti morti ci vogliono per cancellare il programma di alternanza scuola-lavoro? Giuliano, 18 anni, studente in un istituto tecnico di Portogruaro, è morto la scorsa settimana in fabbrica, schiacciato da una lastra. È il terzo giovane che perde la vita quest’anno. Tutti seguivano il percorso dell’alternanza, per imparare un mestiere e poi trovare un lavoro. A gennaio Lorenzo, 18 anni, studente di un Centro di formazione professionale, è morto schiacciato da una putrella in un’azienda meccanica in provincia di Udine. A febbraio Giuseppe, 16 anni, ha perso la vita in un incidente stradale mentre andava a sostituire una caldaia. E poi altri incidenti gravissimi, per fortuna non mortali: un ragazzo di 16 anni caduto da una piattaforma a Rovato (Brescia), uno studente di Merano ustionato da un ritorno di fiamma in una carrozzeria, un giovane di Cuneo ricoverato in terapia intensiva dopo esser finito sotto una cancellata di ferro.

«Tragica fatalità»? «Imprevedibile incidente»? Non scherziamo. Chi usa queste giustificazioni non comprende la gravità di questi lutti, sfugge alle responsabilità, copre errori e colpe. Siamo il Paese con tre morti sul lavoro al giorno, ma non si può tollerare che questi studenti contribuiscano alla media. I ragazzi meritano rispetto, altro che sdraiati, pigri e drogati.Il percorso dell’alternanza scuola-lavoro, così com’è, va abolito perché rappresenta una truffa ai danni dei giovani. Si crea l’illusione che la prova in azienda è decisiva per la formazione, un processo virtuoso verso il mercato del lavoro. L’alternanza scuola-lavoro accompagna un sistema di sfruttamento dei ragazzi, che in Italia sono i più deboli e dunque vessati, sottopagati, vittime di furbacchioni che cercano volontari per concerti «ambientalisti» o lavoretti «solidali» perché tutto fa curriculum. La logica che prevale è l’azzeramento del valore sociale e culturale del lavoro perché è l’idea di questo capitalismo che, a tutela della propria coscienza, abusa di termini come sostenibilità e inclusione.

Se vuoi un reddito devi essere competente, con le giuste esperienze, diplomi, lauree, master, stage e altro. Però, cari ragazzi, non chiedete diritti, tutele o un salario dignitoso. Prima sacrificatevi, fate i bravi e poi qualche imprenditore vi offrirà un posto e una mancia a fine mese. Bisogna chiedersi come si configura questa realtà con l’Umanesimo industriale che il presidente di Confindustria Carlo Bonomi ha illustrato a Papa Francesco. Bonomi pensava, probabilmente, di realizzare un evento di grande impatto, di presentare orgoglioso il suo pensiero come fosse il successore di Adriano Olivetti. Francesco ha affrontato più volte i temi dell’impresa e del lavoro, del profitto e delle disuguaglianze, proponendo analisi severe e proposte coraggiose, sempre ignorate dai partiti, dalla stampa e dalle imprese proprio per la loro radicalità.

In un famoso discorso agli operai dell’Ilva di Genova, il Papa disse che le persone «non hanno bisogno di un assegno statale alla fine del mese, ma di un lavoro perché solo il lavoro dà dignità», analizzò il pericolo per un imprenditore di trasformarsi in «speculatore» o «sfruttatore» e aggiunse che «il merito è una parola bella, ma sta diventando una legittimazione etica alla disuguaglianza». Bonomi, contrario al salario minimo legale, avrebbe dovuto essere più prudente: il Papa l’ha riportato sulla terra chiedendo un lavoro degno, retribuzioni adeguate, pieno rispetto per le donne lavoratrici. La disuguaglianza per Papa Francesco si misura anche nelle buste-paga: «È vero che nelle imprese esiste la gerarchia, è vero che esistono funzioni e salari diversi, ma i salari non devono essere troppo diversi», ha argomentato. «Oggi la quota di valore che va al lavoro è troppo piccola, soprattutto se la confrontiamo con quella che va alle rendite finanziarie e agli stipendi dei top manager. Se la forbice tra gli stipendi più alti e quelli più bassi diventa troppo larga, si ammala la comunità aziendale, e presto si ammala la società».

L’affondo di Francesco è stato durissimo sulle tasse: «Una forma di condivisione che permette alla ricchezza di diventare bene comune», una condivisione «basata sulla capacità contributiva di ciascuno, come dice la Costituzione italiana». Non si può votare per il Papa?

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini