Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Mario Draghi ha perso il “Whatever It Takes”

Immagine di copertina

Ormai Super Mario non ha più il tocco magico né la soluzione ai problemi del Paese: l'analisi di Adam J. Tooze, professore alla Columbia University e direttore dell'Istituto europeo, sul Foreign Policy

Mario Draghi, attuale Presidente del Consiglio italiano ed ex governatore della Banca centrale europea (Bce), contribuì a salvare leuro con il suo famoso motto Whatever It Takes”. Oggi nella zona euro le acque si sono calmate.

In Italia, invece, il debito pubblico pesa parecchio sul futuro della moneta unica. Circa un anno fa, quando fu incaricato di salire a Palazzo Chigi, molti speravano che Draghi avrebbe impresso a Roma lo stesso genere di cambiamento che era riuscito a imporre alla Germania dalla sede della Bce a Francoforte. Adesso ci si chiede se prolungherà la propria permanenza ai vertici della politica italiana traslocando al Quirinale. La posta in gioco nella corsa alla Presidenza della Repubblica va ben oltre il personaggio in sé e le sue competenze tecniche. Lintera vicenda va vista come lultimo round di una lotta lunga dieci anni per riconciliare la posizione dellItalia come membro effettivo del club europeo – e delleuro – con le mutevoli correnti della democrazia italiana. Non è garantito che, con o senza Draghi al timone, le contraddizioni dellItalia – e con esse quelle europee – possano essere ancora gestibili.

In passato, Draghi ha usato il potere della Banca centrale per ammansire i mercati obbligazionari. Molto meno chiaro è se sarà capace di usare le leve del potere politico disponibili a Roma per affrontare e risolvere il problema fondamentale dellinadeguata crescita dellItalia. La Costituzione sembra affidare alla Presidenza della Repubblica una funzione di rappresentanza. Il potere esecutivo è nelle mani del Presidente del Consiglio. Dagli anni Novanta, tuttavia, il Quirinale ha assunto un ruolo di gran lunga più rilevante…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)