Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il mare italiano sta diventando un’enorme discarica di plastica: il 77% dei rifiuti è immondizia. E non c’è più pesce

Immagine di copertina
Credit: Pixabay
Il mare in Italia sta diventando un’enorme discarica di rifiuti in plastica

Ha la forma, i colori, il sapore e il rumore del mare ma in realtà è un enorme discarica che contiene il 70 per cento dei rifiuti italiani. La disattenzione del nostro Paese nei confronti delle proprie acque si è sedimentata come i sacchetti di plastica che stanno sul fondo: il 77 per cento dei rifiuti nei fondali marini sono plastica.

Nel mare di Sicilia (dove 120 raccolte effettuate con rete a strascico hanno recuperato 786 oggetti per un peso superiore ai 670 chili) ci sono le più grandi discariche di plastica che soffocano la fauna e la flora marina. Impressionante la concentrazione di rifiuti anche in Sardegna (403 oggetti pescati in 99 cale per un totale di 86,55 chili), mentre nei fondali rocciosi svettano in negativo il Mar Ligure e il Golfo di Napoli.

A certificare questi numeri è l’attività di monitoraggio condotta da Ispra e Snpa che hanno presentato i risultati ieri, mercoledì 9 ottobre, in occasione del convegno “Un quadro di plastica. I rifiuti e le plastiche in mare”. Numeri spaventosi che certificano 8 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno vengono sversati nei mari del mondo, il 7 per cento nelle acque del Mediterraneo.

Ovviamente anche le spiagge non se la cavano bene: dai 500 ai 1.000 rifiuti ogni 100 metri di costa. Per avere un’idea degli effetti sulla natura basta guardare i risultati delle analisi condotte sulla tartaruga marina Caretta con il progetto europeo Indicit dal 2017 al 2019. Su 1.406 tartarughe analizzate (458 vive e 948 morte), il 63 per cento presentava plastica ingerita e quasi il 58 per cento degli esemplari vivi di Caretta aveva plastica nelle feci.

Si tratta soprattutto di imballaggi industriali e alimentari, borse di plastica e retine per la mitilicolltura. Arrivano in mare soprattutto attraverso i fiumi (ci sono più di 1.000 oggetti galleggianti per ogni chilometro quadrato nella foce dei fiumi). Ma un dato su tutti rende bene l’idea delle proporzioni dell’emergenza: nel mare Adriatico, dal 2013 al 2019, nelle reti di 224 pescherecci sono finite 194 tonnellate di rifiuti; 45 tonnellate solo nella marineria di Chioggia. Si pescano più rifiuti che pesci.

Così l’Italia esporta illegalmente rifiuti di plastica all’estero
Ecco dove finiscono i nostri rifiuti di plastica
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Marocco: il fiume Muluia scompare nella sabbia
Ambiente / Lunga vita alla farfalla monarca
Ambiente / Rinunciare all’auto è un gioco da ragazzi
Ambiente / Guidare un tir in Svezia risparmiando CO2: la sfida dei trasporti pesanti per un futuro verde
Ambiente / In Asia i bambini saranno più bassi a causa del clima?
Ambiente / Le donne investono nel green più degli uomini
Ambiente / Tredici proposte per reinventare la sostenibilità
Ambiente / Alla Cop26 ha vinto l’India. Adesso lo dice pure Cingolani
Ambiente / In Israele nasce il “Bitcoin della spazzatura”
Ambiente / I 7 punti della comunità scientifica Wwf per un’autentica transizione ecologica