Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Lucano condannato a 13 anni, i servitori dello Stato che trattarono con la mafia assolti

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Allora, le cose in Italia stanno così: Mimmo Lucano, un sindaco che si è battuto per integrare i migranti e ridare vita ad un paese calabrese, Riace, sull’orlo della scomparsa, viene condannato ad oltre 13 anni di carcere, schiacciato da accuse infamanti, la peggiore: associazione per delinquere.

Eppure è stato accertato anche in sede giudiziaria che non si è messo un euro in tasca. Ha violato leggi e regolamenti, su questo non ci piove (lui stesso lo aveva ammesso) ma esclusivamente al fine di risolvere problemi urgenti e ineludibili di sopravvivenza della povera gente sbarcata in Italia in fuga dalla guerra e dalla fame e da alter miserie assortite. Di fronte alla inefficienza delle istituzioni che lo avevano scongiurato di dare una mano ad affrontare il drammatico problema-migranti. Lucano aveva risposto all’appello.

I problemi di fronte ai quali le istituzioni avevano alzato le braccia, seguendo alla lettera le norme di legge e i regolamenti sulla gestione dei migranti (legge Bossi Fini, legge Napolitano-Turco sarebbero rimasti senza soluzione.

Quanti sindaci in Italia fanno altrettanto per aggirare testi di legge ottusi e di fatto inapplicabili alla lettera, nonché evitare i tentacoli di una burocrazia ottusa, persecutoria, inetta, e mandare avanti le cose nei propri comuni, specie in un momento tragico come l’attuale? Detto altrimenti, Lucano ha svolto una attività di disobbedienza civile a fronte di norme vessatorie che avrebbero compromesso la sopravvivenza stessa dei migranti. Talvolta i tribunali riconoscono all’imputato l’attenuante o addirittura l’esimente di aver agito per nobili motivi. Ma questo aspetto il tribunale di Locri non lo ha tenuto in conto.

Leggeremo le motivazioni dei giudici di Locri che hanno emesso questa sconvolgente sentenza di condanna ai danni di un uomo buono, animato da sentimenti di amore umano e di solidarietà. Sta di fatto che neppure con i conclamati boss della ‘ndrangheta calabrese la magistratura ha usato, mutatis mutandis, un pugno altrettanto duro.

Condanne a tredici anni e due mesi di solito i colpevoli di gravi fatti di sangue o persone recidive, a Lucano sono state negate le attenuanti generiche che di solito sono concesse a chi è incensurato. Lucano è stato assolto per il reato di immigrazione clandestina. Se lo avessero condannato anche per quel capo di imputazione la pena sarebbe salita ancora. A coloro che sventolano il celebre brocardo: Dura lex, sed lex, oppongo un altro altrettanto antico brocardo: Summum ius, summa iniuria.

In questo stesso Paese che condanna Mimmo Lucano a 13 anni, i giudici mandano assolti non soltanto i politici (quelli sono stati rapidamente espunti dalle vicende giudiziarie) ma pure i cosiddetti servitori dello Stato, accusati di aver tramato, intrattenendosi con dei riconosciuti boss mafiosi, per convincerli a cessare gli attentati dinamitardi inaugurati nel ’93 in seguito alle due stragi di mafia (Falcone e Borsellino); attentati decisi da Cosa Nostra per far pressioni sui governi Amato e CIampi e convincerli a ritirare le misure dure decise appunto dopo le morti dei due giudici siciliani; misure penali e penitenziarie che intralciavano i traffici di Cosa Nostra.

Gli alti ufficiali dei Carabinieri del Ros finiti alla sbarra e condannati in primo grado, nel giudizio di appello sono stati assolti perché il loro comportamento non configura un reato. Trattare con la mafia per conto dello Stato, secondo i giudici di appello romani, non è dunque un illecito penale. Se ne deduce che si è potuto fare e si potrà rifarlo e lo Stato non pagherà mai pegno.

In compenso i boss mafiosi implicati nella trattativa (quelli ancora in vita, essendo Riina e Provenzano, i boss dei boss, passati a miglior vita) sono stati ricondannati, seppure alcuni con piccoli sconti di pena perché erano colpevoli di aver trattato con lo Stato. In sintesi, dunque, per la medesima fattispecie (la trattativa Stato-mafia) i giudici romani d’appello hanno stabilito che lo Stato aveva il diritto di coltivarla mentre i boss mafiosi quel diritto non ce l’avevano. E hanno violato la legge. Quale, esattamente, se la fattispecie della trattativa non è prevista come reato? Del resto l’Italia non è la patria del Diritto (e del rovescio)?

Forse non ve ne siete ancora accorti, ma questi segnali che arrivano dalla magistratura sono avvisaglie: si sta scivolando a grandi passi verso un regime in cui, naturalmente: Io so’ io e voi non siete un c…!. In altre parole il vento è cambiato e sembra spirare anche nelle aule di giustizia.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini