Me

Caro Nicola Porro, sulla manovra ti sbagli: il nero è il colore del crimine, non della libertà

Di Luca Telese
Pubblicato il 16 Ott. 2019 alle 18:45

Caro Nicola,

In questa zuppa di Porro oggi hai sbroccato: il nero non è il colore della libertà, il nero è il colore del crimine. L’evasione é un crimine che limita la mia e la tua libertà, la nostra possibilità di pagare meno tasse. Questo governo forse è stato un po’ timido – semmai – ma i tre pilastri della manovra contro gli evasori sono sacrosanti: limite del contante, tracciabilità e in fondo al percorso carcere per chi evade. Se i pos sono obbligatori, chi non ha il Pos deve pagare. È come la guerra alla mafia: se fai la guerra ci sono morti e feriti ma non ci sono sconti.

Basta scuse: combattere il contante e incentivare la moneta digitale è giusto (di Luca Telese)