Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Pennivendoli: così il rapporto malato con la politica ha fatto crollare la credibilità del giornalismo italiano

Immagine di copertina

La lingua italiana è ricca di vocaboli come nessuna. Abbiamo almeno una parola per definire esattamente qualunque cosa: oggetto o essere animato, incluse le loro funzioni e qualità. Alla lettera “P” si trova dunque il termine «pennivendolo», ossia «chi fa della propria capacità di scrivere (come autore di libri, giornalista, collaboratore di riviste) un uso mercenario facendosi, anche in contrasto con le proprie convinzioni, sostenitore degli interessi di chi gli assicura maggiori vantaggi personali» (Treccani). La parola ha fatto ingresso nel vocabolario della lingua italiana da circa un secolo, tanto che la stessa Treccani ne indica l’origine in una frase dello scrittore interventista, futurista e fascista Giovanni Papini.

Bella esclusiva!

In altre lingue non mancano locuzioni spregiative per i giornalisti mediocri o in malafede. Ma «pennivendolo» è solo italiano. Il che dice tutto a proposito della reputazione che ci insegue, almeno dall’epoca fascista. E con noi insegue anche i giornali, continuando ad allontanare gente dalle poche edicole rimaste. Tanto da domandarsi se e quanto tale reputazione sia giustificata. L’ostilità verso la stampa dei movimenti qualunquisti, complottisti e sovranisti è ovunque nel mondo seconda soltanto a quella verso le banche. Perfino gli Stati Uniti, Paese nel quale la libera informazione è sacra al punto che i giornalisti possono conoscere le telefonate del segretario al Tesoro (e così hanno scoperto il ruolo di Henry Paulson nel salvataggio di Citicorp e nel crac di Lehman Brothers), hanno avuto per quattro anni un presidente che ha fatto propaganda accusando i giornali di dare notizie false.

Questo per dire che la crisi reputazionale dell’informazione ha anche radici globali. Ma in nessun’altra parte del mondo diversa dall’Italia il partito di maggioranza governativa votato nel 2018 da un terzo degli elettori ha mai pubblicato ogni giorno sul proprio organo ufficiale, nella fattispecie il blog del Movimento 5 stelle, il nome dei giornalisti da mettere all’indice. Succede all’inizio dell’avventura governativa grillina, quando ancora il Movimento 5 stelle si ritiene una forza antisistema e manifesta un’avversione radicale nei confronti di tutti i media. Quella colonna infame serve a identificare l’informazione tradizionale con un potere sfruttatore e corrotto, di cui la stampa non è che lo strumento per condizionare le masse attraverso mitiche fake news. E i giornalisti sono attori del complotto. Una tesi completamente strampalata, se si eccettua una minuscola punta di verità. Che è però all’origine di tutto questo. Perché non c’è nazione democratica dove i giornalisti siano stati, e siano ancora, così vicini alla politica. Di riflesso, al potere. Ne sono nate ironie avvilenti, tipo quella che in Italia i giornalisti sarebbero cani da compagnia del medesimo potere, anziché cani da guardia.

Una metafora cretina, buona per i leoni da tastiera. Ci sono giornali e giornalisti coraggiosi che hanno combattuto e combattono per la verità: qualcuno ci ha rimesso anche la pelle…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)