Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Caro Adriano Sofri, a che serve l’arresto degli ex terroristi a Parigi? Alla giustizia, per tutti. Anche per te

Immagine di copertina

“E adesso di questi che ve ne fate?”, scrive Adriano Sofri. E intende: cosa ve ne fate di questi vecchi latitanti arrestati a Parigi? In questa domanda – ovviamente – c’è sottinteso un “Voi”, che poi saremmo “noi”, ovvero tutti quelli che hanno considerato come un atto di giustizia la riconsegna alla magistratura italiana di imputati, quasi tutti omicidi, che erano fuggiti in Francia per sottrarsi alle proprie condanne e alle proprie responsabilità.

È una argomentazione abile, e insidiosa. Sono vecchi, stanchi, qualcuno malato. C’è il fegato di Giorgio Pietrostefani. C’é la psicopatia di Marina Petrella: cosa guadagniamo “noi” se finiscono in carcere? C’è in questo ragionamento di Sofri qualcosa di folle, un sentimento medievale, per cui non è solo Stato che recupera dei latitanti, ma una opinione pubblica affamata di sangue che appaga il suo senso di utilità con un basso sentimento vendicativo.

Bene, è molto semplice: “noi” di questi latitanti “non ce ne facciamo nulla”. Così come a nulla ci serviva Totò Riina malato in carcere, a nulla ci servono gli stupratori condannati, a nulla i tangentari ristretti ai domiciliari. Lo Stato è giustizia, non è vendetta.

Ma seguendo questo filo logico dell’utilità bisognerebbe anche dire che la fuga di Pietrostefani “serviva” solo a Pietrostefani. Mentre la sua pena, dopo un giusto processo, “serve” a tutti. Una condanna, in uno stato democratico, non è la legge del taglione: la condanna di un reo è uno dei contratti sociali su cui si fonda la nostra civiltà moderna. Non un palliativo per i familiari delle vittime.

L’arresto di Pietrostefani “serve” a me, come al figlio del commissario Calabresi. Perché una condanna, in uno stato di diritto non è “occhio per occhio” che serve a risarcire il dolore di qualcuno con la sofferenza di un altro, ma piuttosto il dolore di tutti, per riscattare una ingiustizia che non potrà mai essere rimediata. Sofri evidentemente non lo ha capito: ma l’arresto di Pietrostefani dovrebbe essere utile anche a lui, se non altro come un aiuto per farlo smettere di pensare a “noi” e a “loro”.

Leggi anche: 1. Quei cattivi ragazzi: Bologna, la storia di Mambro e Fioravanti e tutti i dubbi su una strage lunga 40 anni (di Luca Telese) / 2. Delitto Ramelli, “Ma quale revisionismo? Racconto quegli anni per spiegare la genesi dell’odio” (di Luca Telese) / 3. Dal golpe Borghese a Piazza Fontana: Luca Telese ricostruisce tutti i segreti del terrorista nero Stefano Delle Chiaie

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli autogrill, monumenti al boom economico che ancora affascinano gli italiani
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Opinioni / Si lavora alla nomina dei vertici Rai. E intanto fioccano le indiscrezioni sui palinsesti tra novità e conferme
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gli autogrill, monumenti al boom economico che ancora affascinano gli italiani
Opinioni / Caro Di Maio, la strategia del silenzio sul caso Zaki è solo l'ennesimo regalo all'Egitto (di R. Bocca)
Opinioni / Si lavora alla nomina dei vertici Rai. E intanto fioccano le indiscrezioni sui palinsesti tra novità e conferme
Opinioni / L'ipocrisia della politica italiana, che appoggia a prescindere Israele (di G. Cavalli)
Opinioni / Caos Rai: la Vigilanza chiederà a Viale Mazzini di bloccare l'approvazione dei palinsesti
Opinioni / Gli haters di Mattarella indagati e l'odio social finalmente perseguito (di G. Cavalli)
Opinioni / Il video complottista del debunker che difende Renzi dall’inchiesta di Report
Opinioni / Crisi di governo, battaglia sugli sbarchi e mojito: la prevedibile estate di Salvini per inseguire la Meloni (di G. Cavalli)
Cronaca / Il Cavalier Condorelli, il Cavalier Berlusconi e l'omertà istituzionale (di A. Di Battista)
Opinioni / La cancel culture esiste ed è un problema, Biancaneve o meno