Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Retroscena: il fedelissimo di Gentiloni in lizza per guidare il Mes

Immagine di copertina

Nelle scorse settimane l’Eurogruppo non le aveva mandate a dire a Mario Draghi. In particolare si era chiesto conto al governo italiano del ritardo della ratifica in Parlamento della riforma del Mes. “La ratifica del trattato è quasi completa in quasi tutti gli Stati tranne due. E in uno di questi (la Germania, ndr) la ratifica è bloccata da un ricorso alla Corte costituzionale ed è quindi comprensibilmente non nelle mani del Governo. Non abbiamo altra scelta che aspettare”, spiegarono funzionari di Bruxelles.

Però “nell’altro Paese”, ovvero l’Italia, “la ratifica in Parlamento è ancora sospesa”. Insomma, al momento sono 15 i Paesi dell’Unione europea che hanno completato la ratifica del Mes. Mancano all’appello Germania e Italia, mentre Francia e Portogallo stanno completando la procedura.

Per l’Italia però potrebbero essere in arrivo grandi novità. Già perché a quanto si apprende, al posto dell’attuale presidente, l’economista tedesco Klaus Regling, in scadenza a fine anno, potrebbe arrivare un italiano: Marco Buti, capo di gabinetto del commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni. Un modo, forse, per far digerire la pillola al governo Italiano perché all’interno della maggioranza sono ancora molti i mal di pancia al solo sentir nominare la parola Mes.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)