Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:12
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Fdi promuove il sovranismo economico ma a pagare saranno sempre gli stessi: ecco quanto ci costerà la Melonomics (di R. Gianola)

Immagine di copertina

Golden power, tassa piatta e un tesoro da ben 100 miliardi di euro: ecco le ricette economiche proposte da Giorgia Meloni

Limpronta è patriottica, però moderata almeno nei toni. La politica economica di Giorgia Meloni, leader della destra e possibile presidente del Consiglio dopo le elezioni del 25 settembre, non segue la propaganda da bar dei suoi alleati Silvio Berlusconi e Matteo Salvini che ne sparano di tutti i colori, ma presenta proposte che dovrebbero dimostrare il senso di responsabilità, verso lItalia e anche verso lEuropa, di un movimento politico che vuole guidare il Paese, passato in pochissimi anni dal 4 al 25 per cento dei consensi stimato dai sondaggi.

Giorgia Meloni non permetterà che lo straniero faccia tranquillamente shopping delle nostre aziende, tutelerà il Made in Italy, i marchi, le produzioni, le eccellenze nazionali usando e rafforzando il Golden power, strumento eccezionale introdotto durante la pandemia dal governo Conte ed esercitato, in silenzio, anche dal suo successore Mario Draghi per impedire, in particolare, il passaggio di aziende ad alto contenuto tecnologico in mani cinesi. Il rafforzamento del ruolo dello Stato è funzionale alla difesa delle attività strategiche e allutilizzo delle imprese pubbliche come motori dello sviluppo e delloccupazione.

Occupazione anche di poltrone di potere, come si conviene ogni qualvolta cambia la maggioranza politica di governo. A chi accusa la destra di neostatalismo o nazionalismo economico, Meloni replica indicando cosa succede in altri Paesi europei, ad esempio in Francia dove il presidente Emmanuel Macron ha rinazionalizzato totalmente il gigante dellenergia e del nucleare Edf con un investimento di 10 miliardi di euro, per prepararsi alle sfide dellemergenza energetica. Però Edf era già saldamente in mani pubbliche (lo Stato francese possedeva l84 per cento circa del capitale) e lofferta di acquisto per tornare al 100 per cento è stata unoperazione tutto sommato modesta da un punto di vista economico, pur rilevante sotto il profilo politico. Se si vuole trasferire questa visione in Italia nessuno, speriamo nemmeno Giorgia Meloni, può immaginare di riportare lo Stato al 100 per cento del capitale di Eni, Enel, Terna tanto per restare al sistema strategico dellenergia, unidea che avrebbe costi proibitivi. Però qualche timore può sorgere se si considera che Fratelli dItalia ha in programma la creazione della rete unica delle telecomunicazioni sotto il controllo pubblico, e fin qui tutto bene.

Ma come riportare la rete Tim, azienda privata, allo Stato? Lo spezzatino di Tim è oggetto di studio da parte del management e dei vertici di Cassa Depositi Prestiti che gestisce il risparmio postale ed è detenuta all80 per cento dallo Stato. In Borsa è circolata lindiscrezione secondo cui il futuro governo Meloni spingerebbe Cdp a lanciare unopa su Tim, scorporando e tenendosi la rete e vendendo poi tutto il resto sul mercato per rientrare di una parte dellinvestimento. Vista così sembra un grosso regalo per i francesi di Vivendi, soci di maggioranza relativa di Tim. Linterventismo di Meloni arriverebbe anche nel trasporto aereo per bloccare il processo di vendita di Ita avviato da Draghi. Una replica della cordata dei patrioti” di Berlusconi che volevano salvare litalianità di Alitalia sarebbe una sciagura.

Il piatto forte della destra sarà probabilmente il fisco, con una Flat Tax incrementale del 15 per cento per un solo anno, un assaggio per iniziare. Maurizio Leo, responsabile Economia e Finanza di Fratelli dItalia, ha scritto su Repubblica che la proposta «è un premio a chi crea ricchezza» e spinge «ad alzarsi dal divano, a darsi da fare». Forse per questo, contestualmente, la destra vuole tagliare quasi integralmente il reddito di cittadinanza. La verità è che la Flat Tax, anche incrementale e non quella totale di Salvini e Berlusconi, è una minaccia al sistema e si presenta come regressiva, fuori dalla Costituzione se si vuole rispettarla.

Però la perla inattesa potrebbe essere la manovra per far emergere volontariamente il tesoro depositato, anzi nascosto, nelle cassette di sicurezza delle banche. Stima: 100 miliardi di euro e più. Far tornare in circolazione questa ricchezza, probabilmente prodotta in parte in nero o di origine criminale, darebbe fiato a uneconomia in rallentamento, con uninflazione galoppante e minacciata dal razionamento energetico. Giulio Tremonti, se diventerà ministro dellEconomia, è luomo giusto per queste operazione di voluntary”. Ha già la mano.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)