Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Indiscreto: Draghi risentito con Mattarella per la mancata elezione al Quirinale

Immagine di copertina

Ci saranno anche il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e il premier Mario Draghi al Summit: “Mediterraneo frontiera di pace” che si terrà a Firenze dal 23 al 27 febbraio prossimi. Un vero e proprio rendez-vous tra i poteri che comandano in Italia (Quirinale, Vaticano e palazzo Chigi). L’annuncio è stato dato nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’appuntamento che sarà chiuso, domenica 27 febbraio da Papa Francesco. Mario Draghi sarà nel capoluogo toscano il 23 pomeriggio in apertura di lavori ed interverrà nel corso di un convegno organizzato con i sindaci delle maggiori città del Mediterraneo mentre il presidente Mattarella giungerà il 27 febbraio. Certo non sarà questa la sede per sfogare tutta la sua irritazione anche se chi conosce Mario Draghi sa bene che non ha ancora sbollito tutta la delusione per la mancata elezione al Quirinale, una solenne bocciatura che rischia di indebolirlo anche a livello internazionale: “Gli erano stati fatti ponti d’oro ed era uno dei motivi per il quale aveva accettato di scendere in campo e salvare il paese da capo del governo” spiega chi lo conosce bene.

Si aspettava di ricevere tutt’altro trattamento non soltanto dai leader dei partiti politici che gli devono riconoscenza se non altro per essere riuscito a mettere in piedi un governo che sembrava una mission impossible dopo il fallimento dell’esplorazione del presidente della Camera Fico, ma si aspettava maggiore sostegno anche da parte dell’inquilino del Colle che aveva sempre ripetuto di non essere disponibile al bis. La delusione, sebbene abilmente dissimulata, è stata tanta. Già, perché se Mattarella quel sabato avesse rifiutato le profferte dei partiti, probabilmente non ci sarebbero state altre alternative che eleggere Mario Draghi al Quirinale. Ed era proprio questo ciò che il premier si aspettava. Ma così non è andata, perché il capo dello stato appena sono arrivati i capigruppo ha accettato senza troppo fiatare la proposta di rielezione. E a palazzo Chigi, capita l’antifona, non hanno potuto far altro che fare buon viso a cattivo gioco e mettersi a sponsorizzare il Mattarella bis. Insomma, l’eco della bocciatura di Mario Draghi nella corsa per il Colle rischia di farsi sentire ancora a lungo.

Ieri in conferenza stampa ci sono state soltanto le prime avvisaglie, con messaggi “trasversali” mandati in tutte le direzioni. D’altra parte la faccia di Mario Draghi il giorno del giuramento alla Camera del Mattarella bis era tutto un programma: Giuliano Amato teneva banco, Sergio Mattarella sorridente e pronto a rispondere ad ogni battuta e Mario Draghi invece che appariva sempre fermo, irrigidito, in silenzio, sempre sulle sue, quasi fosse fuori posto. Ora nei palazzi del potere ci si chiede se la partita quirinalizia possa aver lasciato strascichi tra i due. C’è chi lo ritieni altamente probabile. Soprattutto perché Mario Draghi, che al Quirinale ci aveva ormai fatto la bocca, dovrà attendere paziente per altri sette anni.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)