Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Draghi pronto a dimettersi se non otterrà il Colle: in caso di reincarico, il premier detterà le sue condizioni

Immagine di copertina

A Palazzo Chigi ormai lo danno per scontato: “Stante la situazione non ci rimane altro da fare che salire al Quirinale oppure lasciare la presidenza del Consiglio”. Il destino di questo governo appare ormai segnato. Questo è il pensiero degli uomini più vicini a Mario Draghi. D’altra parte sembra veramente impossibile ricomporre una maggioranza di governo che comincia a fare acqua da tutte le parti.

“La delusione più grande è stata vedere Giancarlo Giorgetti, uno che da sempre conosce e apprezza Mario Draghi, sfilarsi durante l’ultimo Consiglio dei Ministri ed acconciarsi senza fiatare ai desiderata di Matteo Salvini” spiegano dall’entourage del premier.

L’irritazione di Mario Draghi è stata fortissima. Tanto che sarebbe già pronto il piano B: se non andasse al Colle l’ormai “ex” super Mario sarebbe prontissimo a rimettere il suo destino (leggasi dimissioni) nelle mani del nuovo presidente della Repubblica. Il tutto con la scusa del “galateo istituzionale”.

Certo, il nuovo presidente potrebbe sempre chiedergli di rimanere al suo posto ma almeno in questo modo l’ex presidente Bce potrebbe dettare le sue condizioni e partire con un Draghi 2 nuovo di zecca. Questi sono gli scenari e le ipotesi che si vanno facendo strada tra i consiglieri del premier qualora non dovesse andare in porto l’ascesa al Quirinale.

“Mario Draghi non ha nessuna intenzione di fare la fine di San Sebastiano” spiegano senza mezzi termini, ben sapendo quanto sarebbe dura tenere unita la maggioranza di governo nell’anno che porta alle elezioni politiche. Quindi meglio le dimissioni oppure, se venissero respinte, ripartire con un Draghi 2 completamente nuovo: in tal caso Mario Draghi non si accontenterebbe di chiacchiere da bar ma vorrebbe un vero e proprio “patto di coalizione” scritto nei minimi dettagli e controfirmato da tutti i leader della maggioranza di governo.

Un patto di coalizione che non dovrebbe essere composto da centinaia di pagine ma da pochi punti ben chiari per “scolpire nella pietra” le priorità di governo. Altrimenti a Città della Pieve in primavera si starà benissimo.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)