Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Draghi mai così in difficoltà come nelle ultime settimane: così il Quirinale va in suo soccorso

Immagine di copertina

Al Quirinale stavolta è scattato l’allarme: la Lamorgese non basta più. Il Colle ha deciso di rompere il silenzio e tenere alta la “pressione” perché “non devono esserci tentennamenti ne cedimenti” ora che cominciano a sorgere i primi veri problemi per il governo Draghi, soprattutto adesso che ci si avvicina inesorabilmente alla “madre di tutte le battaglie”, quella per l’elezione del prossimo presidente della Repubblica e le forze centrifughe inevitabilmente aumenteranno.

Insomma, ci voleva Sergio Mattarella per far capire a tutti che l’aria è cambiata e che non sono ammesse distrazioni. E questo vale per per tutti, per i comuni mortali come per i leader di partito che non smettono di fare capricci. In puro stile democristiano ha “parlato a nuora affinché suocera intenda”.

I problemi per il Quirinale sono essenzialmente due: 1. la nuova avanzata dei contagi che rischia di mettere a repentaglio la ripresa del Paese (in ambienti del deep state già si comincia a parlare di possibili pesanti chiusure nei prossimi mesi) con il conseguente possibile rallentamento dell’approvazione dei piani utili all’acquisizione dei fondi europei (Pnrr) e la ripresa dei dissidi interni alla maggioranza di governo, fatti e situazioni già ampiamente stigmatizzati anche durante l'”epopea” del Conte.

2. Al Quirinale non vogliono assolutamente rivedere un film già visto perché stavolta le conseguenze potrebbero essere ben peggiori. Da qui la “stretta” sul Viminale; non per niente poco dopo venivano emanati dei provvedimenti ad hoc sulle manifestazioni di piazza dei no vax.

Ma con la sua uscita il capo dello Stato ha voluto anche dare una mano a Mario Draghi, mai in difficoltà come in queste ultime settimane. Un modo per ricordare a tutti che non è questo il momento di “disturbare il manovratore” dato che è impegnato in passaggi delicatissimi come quello dell’approvazione della legge di bilancio. Parole come pietre che, come spiegano da Palazzo Chigi, hanno visto il vivo apprezzamento dell’ex presidente BCE, mai come in questa fase bisognoso dell’aiuto del Quirinale.

Non per niente la manovra di bilancio è arrivata in Parlamento all’ultimo minuto: non si è trattato di un caso o del solito destino “cinico e baro” ma di una mossa studiata a tavolino dal governo per tentare di tamponare le ormai tante, troppe divaricazione tra partiti. Insomma, meno ci mettono bocca e meglio è.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero