Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il Coronavirus può fermare tutto, ma non gli incassi della Juve: nasce la partita “a porte semichiuse”

Immagine di copertina
Credit: Jonathan Moscrop/CSM via ZUMA Wire

La partita Juventus–Milan di Coppa Italia si giocherà a porte aperte, ma solo per i piemontesi

Il Coronavirus può fermare tutto, ma non gli incassi della Juve: nasce la partita “a porte semichiuse”

Il coronavirus, se mai fosse stato necessario, ci spiega che in omaggio a George Orwell tutti i tifosi sono uguali, ma alcuni sono più uguali. Soprattutto alcuni incassi.

Così nell’almanacco delle follie virali – tenendo conto dei malumori della società bianconera, si arriva all’assurdo.

La Juve non poteva fare a meno della ghiotta quota dei biglietti di una partita di Coppa di cartello, ma la Lega non poteva smentire la linea delle “porte chiuse” tenuta sul campionato con pugni di ferro. Così ecco il geniale parto, l’ingresso selettivo.

I tifosi del Milan vengono derubricati al ruolo ingrato di Lombardi contagiosi. Quelli bianconeri elevati al ruolo nobile di spettatori batteriologicamente sicuri. Nasce una grande innovazione, e la vedremo inverarsi mercoledì 4 marzo: la partita a porte “semi-chiuse”.

Una sola considerazione: siamo la Repubblica delle banane.

Leggi anche:

Coronavirus in Italia: positivi marito e figlio della donna contagiata nel Lazio. In Campania 13 casi. Rinviata Juve-Inter e altre partite

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Regeni, il processo si incaglia per volere di Al Sisi e il governo italiano si dichiara parte civile: ci fate così ingenui?
Opinioni / Giorgia Meloni come Diletta Leotta: aggrappate al pubblico peggiore (di S. Lucarelli)
Opinioni / Il populismo non è un’ideologia, è un metodo. Usato anche dalle élites (di S. Mentana)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Regeni, il processo si incaglia per volere di Al Sisi e il governo italiano si dichiara parte civile: ci fate così ingenui?
Opinioni / Giorgia Meloni come Diletta Leotta: aggrappate al pubblico peggiore (di S. Lucarelli)
Opinioni / Il populismo non è un’ideologia, è un metodo. Usato anche dalle élites (di S. Mentana)
Opinioni / La restaurazione fascista avanza: l’attacco alla Cgil ne è la prova (di N. Urbinati)
Opinioni / Da Avanguardia Nazionale a Forza Nuova: il romanzo dell’estrema destra italiana
Opinioni / Governo assente ingiustificato (di Giulio Gambino)
Opinioni / No, il Tapiro d’oro ad Ambra Angiolini non è satira, ma becero gossip sulla pelle di una donna tradita
Opinioni / Il 30% del cibo prodotto in tutto il mondo viene buttato. La soluzione? Il “reddito alimentare”
Opinioni / Da studente modello a estremista di destra: la storia di Andrea racconta i rischi della radicalizzazione fascista
Opinioni / Tutti a spiegarci che il fascismo è morto, ma i nostalgici del Ventennio sono vivi più che mai (di R. Parodi)