Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Come combattere i soprusi dei talebani con un’app (di W. Samadi)

Immagine di copertina

Tre anni fa, Sara Wahedi, lanciò Ehtesaab (letteralmente “responsabilità” in lingua farsi), un’app che avvisa gli afghani di esplosioni e attacchi avvenuti a Kabul. Quando i talebani sono entrati in città, l’azienda ha chiuso la propria sede ma ha continuato a divulgare informazioni. Dopo i due attacchi all’aeroporto di Kabul dello scorso agosto, l’applicazione ha informato subito gli utenti di quanto successo.

«In passato i nostri messaggi consistevano principalmente in avvisi di sicurezza. Ora la gamma è molto più estesa e comprende omicidi, rapimenti, aggressioni», spiega Wahedi. «Offriamo informazioni anche su possibili interruzioni dell’elettricità, sul traffico, su cambiamenti nei servizi urbani e aumenti di prezzo dei beni essenziali». L’applicazione raccoglie i dati in crowd-sourcing.

La squadra di Ehtesaab cerca sui social, sui siti delle ambasciate e delle principali agenzie di informazione. I dati raccolti con questo sistema richiedono una conferma da due o tre fonti prima che l’app possa condividerli con i propri utenti. Ma ora Wahedi deve affrontare una serie di sfide perché la sua applicazione sopravviva. «La situazione incerta della sicurezza rende difficile alla nostra squadra verificare tempestivamente i dati e di conseguenza a Ehtesaab abbiamo registrato una diminuzione del 50 per cento sia della velocità di accertamento delle informazioni raccolte, sia del numero degli avvisi pubblicati, perché vogliamo essere sicuri che le notizie siano completamente affidabili».

Nonostante gli ostacoli, il numero degli utenti è aumentato. «Siamo incredibilmente grati ai fuoriusciti afghani e ai nostri sostenitori occidentali per il contributo fornito a Ehtesaab e per averne parlato con i propri familiari e amici a Kabul», aggiunge Wahedi. «Stiamo anche cercando di ricominciare a commercializzare l’applicazione in tutta la città, facendo molta attenzione a non mettere in pericolo la nostra squadra».

Wahedi prevede che Ehtesaab diventerà la principale piattaforma su cui gli afghani e gli attori stranieri si informeranno riguardo i problemi delle maggiori città del Paese, sia per la loro gravità che per ricorrenza e posizione geografica. «Alla fine saremo la piattaforma che gli afghani potranno utilizzare in sicurezza per segnalare violazioni dei diritti umani, di genere, sanitari e del diritto all’istruzione».

Sul futuro sotto il regime talebano, Wahedi si esprime chiaramente: «La tecnologia non conosce limiti e non ha importanza chi è al potere, prevarrà». «Gli esuli afghani, specialmente quelli che lavorano nel settore tecnologico, stanno trovando soluzioni sempre più creative per raggiungere i connazionali rimasti nel Paese», osserva. «Sarà un viaggio difficile, ma il risultato vale ogni ostacolo».
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)
Opinioni / Quirinale: Draghi vuole il Colle, ma la variante Omicron potrebbe cambiare le carte in tavola
Opinioni / La legalizzazione della Cannabis riscuote consenso, ma il Parlamento è troppo conservatore per accorgersene
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango