Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Belloni al Quirinale? Anche Draghi storce il naso: per il premier sarebbe uno sgarbo istituzionale

Immagine di copertina

Dopo il flop della Casellati il centrodestra va in ordine sparso. Matteo Salvini propone al Colle una donna di alto profilo e al di fuori dei partiti, che a tutti sembra l’identikit di Elisabetta Belloni.

Un nome, raccontano fonti parlamentari, che potrebbe piacere soprattutto Giuseppe Conte dato che consentirebbe di surgelare finalmente l’unità del partito con l’altro big dei 5 Stelle, quel Luigi di Maio che negli ultimi anni alla Farnesina ha lavorato proprio con Elisabetta Belloni.

La candidatura del capo del Dis, però, non scalderebbe più di tanto Forza Italia, che avrebbe manifestato i suoi dubbi su un tecnico a Palazzo Chigi, Mario Draghi, e un tecnico anche al Quirinale con l’ex segretario generale della Farnesina. Perplessità sulla Belloni sarebbero state manifestate anche dai “centristi” della coalizione, che invece vedrebbero bene Pier Ferdinando Casini al Colle più alto.

In più, a quanto si apprende, nemmeno Mario Draghi sarebbe entusiasta di trovarsi una sua attuale sottoposta (il Direttore generale del DIS è infatti il diretto referente del Presidente del Consiglio dei ministri per l’esecuzione delle attribuzioni in materia di informazione per la sicurezza) al vertice dello Stato italiano.

L’eventuale “promozione” alla presidenza della Repubblica verrebbe vissuta come un vero e proprio sgarbo istituzionale. E la cosa non potrebbe non avere ripercussioni anche in seno alla maggioranza di governo.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Noi giovani e la politica, tra apatia e grandi battaglie (di G. Brizio)
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Erdogan non è imbattibile: ma il futuro del leader turco e dell’Akp è ancora tutto da scrivere
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Noi giovani e la politica, tra apatia e grandi battaglie (di G. Brizio)
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Erdogan non è imbattibile: ma il futuro del leader turco e dell’Akp è ancora tutto da scrivere
Opinioni / L'Europa corre ciecamente verso la guerra (di R. Parodi)
Opinioni / La boutade di Macron sull’Ucraina e l’Ue che deve imparare a difendersi da sola (di S. Mentana)
Opinioni / Pd, 5S e Campo Largo: la strada non porta a casa se la tua casa non sai qual è (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera di un segretario di circolo Pd: Elly Schlein ha la forza della credibilità
Opinioni / In Abruzzo non c’è nessun effetto Sardegna
Opinioni / La Leopolda di Luciano Nobili tra calcetto, stadio e quella cena con Pardo di Dazn
Opinioni / Tra armi e sanità: l’Europa smetta di investire sulla paura (di Ignazio Marino)