Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:10
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Leggetevi la risposta di Salvini alla madre di Bakary: ci rivela cosa siamo diventati (ed è atroce)

Immagine di copertina
Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell'Interno. Credit: Tiziana FABI / AFP)

Come è potuto accadere che due piani così intrinsecamente lontani come il razzismo più truce e la legittima richiesta di sicurezza dei cittadini arrivassero a intrecciarsi e mescolarsi fino a finire nello stesso universo lessicale? Il commento di Lorenzo Tosa

C’è qualcosa di spaesante, disturbante, nello scambio dialettico tra la madre adottiva di Bakary e il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Quando una mamma lancia il suo grido di dolore di fronte a un clima di odio razziale ormai dilagante nel nostro Paese e il rappresentante delle istituzioni risponde: “La rispetto. Ma lei capisca la richiesta di sicurezza e legalità degli italiani”, non siamo più in un territorio umano, lessicale, valoriale, comune.

Non stiamo nemmeno più parlando la stessa lingua. La madre di Bakary e il ministro Salvini stanno parlando due idiomi diversi. E, per quanti sforzi possano fare, per quanto noi stessi proviamo nella nostra testa a tradurre, non si parleranno e non si incontreranno mai.

Ecco perché quel botta e risposta suona così raggelante e ci fa sentire di colpo inermi, impotenti, incapaci di reagire all’orrore.

Come è potuto accadere, in pieno Occidente, in un Paese dai mille vizi e difetti eppure civile come l’Italia, che due piani così intrinsecamente lontani come il razzismo più truce e la legittima richiesta di sicurezza dei cittadini arrivassero a intrecciarsi e mescolarsi fino a finire nello stesso universo lessicale?

Come abbiamo potuto non accorgerci quello che stava succedendo? È persino difficile individuare il punto esatto di rottura. Ma, leggendo la risposta di Salvini, è chiarissimo, limpido, come quella rottura si è ormai consumata. È qui, tra noi, nei discorsi al bar, nelle dichiarazioni di un ministro, nei sondaggi, nella violenza social, negli sgomberi eseguiti e in quelli mancati a seconda del colore politico.

Leggetela e rileggetela cento, mille volte, la risposta che ha dato Salvini. Perché lì c’è la risposta – e, di fatto, la giustificazione morale – a tutto quello che sta accadendo e accadrà nei prossimi mesi in Italia e in Europa.

Non sta semplicemente parlando alla madre di Bakary, si sta rivolgendo a tutti noi. E quello che ci sta dicendo è qualcosa di atroce, spaventoso, già visto: che il razzismo non va semplicemente condannato, ma va contestualizzato, capito, e, in fin dei conti, giustificato. È così che, quasi cento anni fa, è cominciato tutto. E, credetemi, è da qui che tutte le storie ricominciano, incredibilmente identiche nei toni, nei tempi, clamorosamente simili nelle dinamiche, eppure ogni volta improvvise e spiazzanti.

Se vogliamo fermare l’orrore prima che si ripeta, allora lo sforzo che siamo chiamati a compiere è, mai come oggi, linguistico. Dobbiamo tornare a chiamare il razzismo col proprio nome, senza confinarlo in sfere lessicali che non gli appartengono. E, soprattutto, dobbiamo pretendere che la sicurezza torni ad essere di tutti, e non di alcuni, che sia un diritto e non una concessione, senza distinzioni di pelle, sociali o geografiche. Sembra nulla, in realtà è l’ultima occasione che abbiamo.

Siamo tutti a bordo di un treno lanciato a velocità folle verso la notte. Sta a noi decidere se vogliamo essere macchinisti o semplici passeggeri. Ma sappiate che non sono previste fermate.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Essere Barillari: ovvero approfittare di un calciatore quasi morto per collezionare qualche like (di G. Cavalli)
Opinioni / Da Calenda ai renziani: quelli che non vivono senza parlare male del Pd (di G. Cavalli)
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / L’altra faccia dello sfruttamento: i migranti servono ad arricchire i paesi occidentali, dell’Africa non importa a nessuno
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Opinioni / Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano
Calcio / “Mamma li turchi”, secoli di storia dietro l’esordio a Euro 2020
Opinioni / Ennesimo caos AstraZeneca: la politica che crocifiggeva Conte ma tace sul Governo Draghi
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale