Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)

Immagine di copertina

La popolazione, rimasta senza lavoro e quasi ridotta alla fame, non si fida più degli istituti di credito, che non erogano prestiti e non consentono prelievi in dollari. Così gli afghani si affidano a un sistema bancario ombra

L’Onu ha annunciato limminente crollo del sistema bancario afghano: da quando i talebani hanno preso il potere lo scorso agosto, le banche sono precipitate nel caos perché lAfghanistan è stato tagliato fuori da gran parte del sistema finanziario mondiale e i capitali allestero sono congelati. Anche le sanzioni internazionali hanno contribuito a una grave crisi di liquidità.

Gli abitanti di Kabul hanno perso fiducia negli istituti di credito e non vogliono più affidare loro i propri soldi. «Non riescono a pagarci in tempo e la gente non si fida. Preferirebbero tenere il denaro sotto il cuscino piuttosto che metterlo in banca», spiega un residente di Kabul.«Ho un conto corrente in dollari statunitensi, ma la banca mi paga in afghani perché non ci sono altri contanti», sostiene un altro. «Lafghano continua a perdere valore nei confronti del dollaro e in banca il cambio è persino più basso».

Le banche erogano denaro, ma non forniscono altri servizi. I depositi sono scesi dai 2,9 miliardi di dollari dellanno scorso ai 2 miliardi di settembre e, secondo il Programma dellOnu per lo Sviluppo, è atteso un ulteriore peggioramento. I crediti deteriorati sono aumentati dal 30 per cento del 2020 al 57 per cento di settembre. «Le banche hanno smesso di concedere nuovi finanziamenti. Ho una piccola azienda e in passato ho fatto affidamento sui prestiti per mandare avanti la mia attività e pagare gli impiegati», rimarca Mahbooba, unimprenditrice di Kabul.

Un sistema bancario paralizzato, avverte il Programma dellOnu per lo Sviluppo, potrebbe compromettere lefficacia degli aiuti umanitari. Le imprese rimaste nel Paese continuano a dover affrontare le sfide del sistema finanziario nel mezzo di una grave crisi di liquidità e, di conseguenza, non tutti gli impegni presi sulla base delle donazioni si sono potuti concretizzare. Solo il 10-20 per cento della popolazione afghana ricorre alle banche, il resto si è sempre affidato a un sistema informale basato sullo scambio di denaro, che ha luogo nei bazar. Sarai Shahzada è il più grande di questi mercati di scambio a Kabul e continua a funzionare.

Le persone che ricevono soldi dai parenti residenti allestero si recano nel bazar per ritirarli. «La Western Union paga solo in valuta locale, la commissione è elevata e così perdiamo molto denaro a causa del tasso di cambio», mi spiega un familiare. «A Sarai Shahzada, invece, ho speso solo 80 dollari per la commissione e ne ho ritirati 3.000 che la mia famiglia mi ha inviato dal Canada». Anche gli afghani che cercano di lasciare il Paese usano i cambiavalute di Sarai Shahzada: il denaro viene custodito e inviato solo quando le persone riescono a uscire dallAfghanistan e a raggiungere la destinazione stabilita.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)