Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:43
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)

Immagine di copertina

La gente è senza lavoro, la maggior parte non ha una fonte di reddito e il prezzo dei medicinali è aumentato a causa del cambio sfavorevole con il dollaro

Masood, sua moglie e una delle loro figlie adolescenti sono stati male per giorni. Sembrava che avessero sviluppato i sintomi del Covid ma si sono rifiutati di andare dal medico. «Non ne vale la pena e inoltre non posso permettermi di pagare e comprare le medicine. Devo risparmiare e presto staremo tutti meglio», spiega Masood. A settembre scorso, le Nazioni Unite hanno lanciato l’allarme dichiarando che il sistema sanitario dell’Afghanistan è sull’orlo del collasso. Migliaia di strutture sanitarie non sono più in grado di comprare medicinali e pagare gli stipendi. Gli interventi contro il Covid, compresi i controlli, i test e le vaccinazioni, si sono bruscamente interrotti. Nel Paese si sta diffondendo anche il morbillo. Recentemente, però, i leader talebani si sono messi d’accordo con l’Organizzazione mondiale della Sanità per riprendere le vaccinazioni porta a porta contro la poliomielite in tutto l’Afghanistan. «La maggior parte dei medici di Kabul ha abbassato il costo delle prestazioni da 300 a 200 afghani, ma non riusciamo ancora ad avere i pazienti che avevamo in passato», racconta Rohullah Faiz, un medico di Kabul. «La gente è senza lavoro, la maggior parte non ha una fonte di reddito e di conseguenza non può permettersi di pagare le cure mediche». Il prezzo dei medicinali, d’altronde, è aumentato a causa del cambio sfavorevole tra il dollaro americano e la valuta locale. Il personale sanitario non viene pagato da mesi. I talebani hanno promesso che il pagamento degli stipendi inizierà presto ma la maggior parte dei medici non ha ricevuto ancora nulla. I medici e i funzionari degli ospedali Afghan Japan e Sheikh Zahid, entrambi situati a Kabul, hanno recentemente scioperato per ottenere i propri stipendi e questa situazione si è verificata anche in numerosi altri ospedali. Denutrizione e insicurezza alimentare dilagano. Secondo un recente sondaggio dell’Onu, solo il 5 per cento delle famiglie ha cibo sufficiente per mangiare tutti i giorni. Più di tre milioni di bambini sotto i cinque anni soffriranno di gravi forme di denutrizione entro la fine dell’anno e almeno un milione di loro rischia di morire di fame se non si interviene subito. «Non mangiamo più carne, costa troppo», spiega Bilal, che vive nella zona di Kaarte Naw a Kabul. «Noi abbiamo abbastanza da mangiare tutti i giorni ma i nostri vicini di casa no e non so fino a quando potremo condividere il nostro cibo con loro». Un parente di Herat recentemente ha raccolto un po’ di denaro per comprare latte in polvere per un bambino di 15 mesi. Il latte della madre non bastava più. Per giorni la donna non aveva mangiato in modo adeguato e il bambino perdeva drammaticamente peso.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)
Opinioni / Quirinale: Draghi vuole il Colle, ma la variante Omicron potrebbe cambiare le carte in tavola
Opinioni / La legalizzazione della Cannabis riscuote consenso, ma il Parlamento è troppo conservatore per accorgersene
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango