Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Stipati, feriti e costretti a sdraiarsi sulle proprie feci: le immagini del trasporto illegale di agnelli dall’Est Europa in Italia

Immagine di copertina
Credit: Animal Welfare Foundation

Un nuovo video mostra le reali condizioni di viaggio degli agnelli importati per le festività natalizie da Romania e Ungheria

Il trasporto illegale di agnelli in Italia è realtà. Soprattutto quando l’Italia arriva ad importare migliaia di agnelli nelle settimane a ridosso del Natale.

A mostrare ciò che accade durante il trasporto di agnelli provenienti dalla Romania e dall’Ungheria, destinati al mercato italiano, sono alcune foto e video rilasciate da Animal Equality, Animal Welfare Foundation – organizzazione svizzero-tedesca per la protezione degli animali da reddito e di strada – ed ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali).

In questi giorni, gli investigatori di AWF e le Guardie Zoofile di Enpa del Nucleo di Vicenza, in collaborazione con le autorità italiane, hanno fermato cinque camion, sanzionando con pene fino a 20mila euro  i trasportatori a causa delle gravi violazioni riscontrate nei confronti degli animali.

Tra le violazioni documentate ci sono: sovraffollamento, con animali stipati e schiacciati contro il soffitto, senza alcuna possibilità di riposare o sdraiarsi; agnelli feriti, esanimi, svenuti e tremanti; animali di età differenti ammassati tutti insieme, senza alcuna considerazione delle esigenze e dei bisogni fisiologici che variano notevolmente in base alla fase di sviluppo degli animali, in particolare per gli agnelli ancora non svezzati; animali che non sono mai stati soccorsi o controllati durante l’intero tragitto; lettiera non a norma, sporca e non idonea ad assorbire le deiezioni degli animali, costretti a sdraiarsi in mezzo alle proprie feci, al freddo e senza possibilità di riparo; viaggi lunghissimi, non a norma rispetto alle esigenze degli agnelli ancora così giovani, che soffrono notevolmente queste condizioni e che, a causa dei camion non a norma, non possono abbeverarsi come invece previsto dai regolamenti europei.

“La situazione di grande sofferenza documentata da Animal Welfare Foundation e dalle nostre Guardie Zoofile di Vicenza non è purtroppo un fatto occasionale e, tra l’altro, non riguarda soltanto gli agnelli.  Molti dei quali, lo ricordo, non arriveranno mai a destinazione perché muoiono durante il viaggio”, spiega la presidente nazionale di Enpa Carla Rocchi.

“Se vogliamo veramente mettere fine a tutto questo – prosegue Rocchi – è necessario non soltanto garantire il rispetto delle normative sul trasporto, normative che peraltro andrebbero rese ancora più garantiste, ma, soprattutto, cambiare i nostri stili di vita. Perché alla base della sofferenza animale ci sono sempre l’industria e il commercio della carne. L’unica stile di vita  veramente “cruelty free” e quello “veg” perché non causa la morte di alcun essere vivente”.

“Questi lunghissimi viaggi comportano enormi sofferenze per animali che non dovrebbero nemmeno essere sottoposti alla violenza del macello, ed è per questo che vogliamo far luce su un sistema che non funziona e che mostra anche in questi casi tutti i suoi limiti”, spiega Matteo Cupi, Direttore Esecutivo di Animal Equality Italia.

“Tutto questo comporta gravissime sofferenze per questi giovani animali, ed è per questo che è importante continuare a monitorare questo fenomeno e far sapere ai consumatori che cosa si cela

realmente dietro i consumi per le festività, che sono già in calo perché sempre più persone stanno prendendo consapevolezza di queste terribili ingiustizie nei confronti di milioni di animali”.

Leggi anche: “Ho lavorato sotto copertura negli allevamenti intensivi. Ecco cosa ho visto”

Qui sotto il video pubblicato da Animal Equality Italia:

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre