Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Mutilavano braccia e gambe a migranti e tossicodipendenti per truffare le assicurazioni

Immagine di copertina

La polizia di Palermo ha effettuato 11 provvedimenti di fermo, sgominando due organizzazioni criminali che amputavano gli arti a persone con problemi mentali e in difficoltà economiche per simulare incidenti stradali

La polizia a Palermo ha sgominato due pericolose organizzazioni criminali che truffavano le assicurazioni mutilando braccia e gambe di persone consenzienti per ottenere il rimborso su falsi incidenti stradali.

Le indagini sono tuttora in corso nel capoluogo siciliano, ma la polizia ha già emesso 11 provvedimenti di fermo.

Le vittime finivano in sedia a rotelle o erano costrette a muoversi per lunghi periodi con le stampelle.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Palermo, hanno accertato che i membri delle due organizzazioni utilizzavano metodi particolarmente violenti e dolorosi per mutilare le vittime, ad esempio scagliando su braccia e gambe dei pesanti dischi di ghisa come quelli utilizzati per il sollevamento pesi nelle palestre.

Ad essere coinvolti in questo progetto erano soprattutto persone ai margini della società: tossicodipendenti, persone con problemi mentali o dipendenti dall’alcol, soggetti in grave difficoltà economica.

Soggetti che, attratti dalla promessa – mai mantenuta – di ricevere del denaro, davano il loro consenso a subire ogni tipo di violenza.     

Dalle indagini è emerso che in alcune situazioni i membri delle associazioni criminali somministravano in maniera rudimentale dosi di anestetico alle vittime, per tentare di ridurre e attenuare il dolore delle mutilazioni subite. L’anestetico veniva procurato da una delle persone fermate, un’infermiera in servizio all’ospedale Civico di Palermo.

Tra le vittime delle organizzazioni c’è anche un uomo di origine tunisina che era stato trovato morto su una strada alla periferia di Palermo nel gennaio 2017.

Le indagini degli uomini della squadra mobile hanno accertato che non era in realtà rimasto ucciso in un incidente stradale ma era deceduto in seguito alle fratture provocate con l’obiettivo di simulare una disgrazia e ottenere i rimborsi assicurativi.

Ti potrebbe interessare
Migranti / Saviano contro il governo Meloni per il decreto che limita l’azione delle Ong: “Non vogliono testimoni nel Mediterraneo”
Migranti / Migranti, nave Geo Barents sbarca a Taranto: è la prima dopo il decreto sulla “stretta” alle ong
Migranti / Migranti, arriva la stretta sulle ong: sanzioni fino a 50mila euro e confische per le navi che violano le norme
Ti potrebbe interessare
Migranti / Saviano contro il governo Meloni per il decreto che limita l’azione delle Ong: “Non vogliono testimoni nel Mediterraneo”
Migranti / Migranti, nave Geo Barents sbarca a Taranto: è la prima dopo il decreto sulla “stretta” alle ong
Migranti / Migranti, arriva la stretta sulle ong: sanzioni fino a 50mila euro e confische per le navi che violano le norme
Migranti / Migranti, nel mondo una persona su 77 è un rifugiato: il doppio rispetto a 10 anni fa
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Migranti / Francia, respinti 123 migranti fatti sbarcare dalla Ocean Viking dopo il rifiuto dell’Italia
Migranti / Migranti, Piantedosi: “Navi ong violano le leggi, legittimo considerare il loro passaggio non inoffensivo”
Migranti / Migranti, la Ocean Viking sbarcherà in Francia: “Caso eccezionale, scelta incomprensibile dell’Italia”
Migranti / Neonato di 20 giorni morto a largo di Lampedusa, la madre: “Volevo portarlo in Italia per farlo curare”