Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Migrante senza biglietto muore gettandosi dal treno. “Meglio lui di un altro”

Immagine di copertina
L'incidente è avvenuto in provincia di Vercelli

Il ragazzo, un 33 enne nigeriano, aveva un regolare permesso di soggiorno per motivi umanitari e lavorava a Vercelli come imbianchino

Migrante senza biglietto treno morto – È morto lanciandosi dal finestrino del treno in corsa per sfuggire ai controllori. È la storia di un ragazzo di 33 anni, di origini nigeriane e con regolare permesso di soggiorno, che giovedì 25 ottobre 2018 ha tentato una disperata fuga dai controllori della polizia ferroviaria nel vercellese.

“Meglio che si sia ucciso uno così che un’altra persona”, avrebbe detto davanti a diversi testimoni una dipendente delle Ferrovie dello Stato, in servizio alla stazione di Santhià, negli attimi successivi alla tragedia.

Il commento sprezzante è stato ascoltato da un consigliere comunale del Pd di Biella, Paolo Furia, che ha denunciato l’episodio sulla sua pagina Facebook e ha chiesto l’intervento del ministro Salvini.

L’incidente è avvenuto su un treno regionale intorno alle 11 di mattina tra San Germano Vercellese e Olcenengo, in provincia di Vercelli.

Secondo la ricostruzione, la vittima è salita sul treno in stato di agitazione. Si è diretto verso la carrozza del capotreno e ha iniziato a bussare con forza contro la porta.

Gli agenti hanno provato a tranquillizzarlo, ma il ragazzo ne ha aggredito uno con uno morso, ha aperto un finestrino ed è riuscito a buttarsi, nonostante il capotreno e i poliziotti abbiano cercato di fermarlo tenendolo per le gambe.

Le ragioni del gesto rimangono ancora sconosciute. Il 33 enne che lavorava com imbianchino, era sbarcato a Lampedusa nel 2011, aveva ottenuto il permesso di soggiorno per motivi umanitari dalla questura di Bergamo e ora stava aspettando il rinnovo.

Nello zaino che aveva con sé e che hanno ritrovato i soccorritori – sul posto è arrivato anche l’elisoccorso del 118 – c’erano solo i suoi documenti e poco altro, nulla che possa aiutare gli inquirenti della questura di Vercelli a fare chiarezza sull’accaduto.

La circolazione è ripresa circa due ore dopo a senso unico alternato e regolare dalle 15.30.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, tre bambini e tre donne “morti di sete e fame” su un barcone arrivato in Sicilia
Migranti / La bimba siriana di 4 anni morta di sete su un barcone che nessuno ha soccorso
Esteri / Migranti: il corpo di una donna abbracciata al suo bambino trovato in fondo al mare
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, tre bambini e tre donne “morti di sete e fame” su un barcone arrivato in Sicilia
Migranti / La bimba siriana di 4 anni morta di sete su un barcone che nessuno ha soccorso
Esteri / Migranti: il corpo di una donna abbracciata al suo bambino trovato in fondo al mare
Migranti / Migranti, naufragio al largo della Libia: almeno 90 morti. Solo 4 superstiti
Cronaca / Migranti, trovate 10 persone morte soffocate su un barcone al largo della Libia
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"